Virtus Eirene lotta ma non evita sconfitta

Corriere di Ragusa Sport: Basket

Virtus Eirene lotta ma non evita sconfitta

Basket, A1

Virtus Eirene-Venezia: 68-71 (52-50, 11-20)

Virtus Eirene: Romeo 2, Vitola 12, Attura 4, Anigwe 20,Dotto 9; Hampton 9, Ostarello 12, Consolini, Mallo ne., Di Fine ne., Olodo ne. All. Diamanti

Venezia:  Villa 15, santucci 6, Shepard 26, Kuier 14, Fassina 6; Madera 2, Kubaj 2, Franchini ne., Delaere ne.,Meldere ne. All. Mazzon

Arbitri: Tirozzi, Ferrara, Pallaoro

Al “PalaMinardi” è stata una sfida punto a punto. Peccato per le padrone di casa che dopo avere recuperato e essere passate in vantaggio a 6’ dalla fine si sono fatte recuperare cedendo di misura. Matilde Villa e Jessica Shepard sono state le carte vincenti di Venezia. L’americana è stata dirompente per la difesa biancoverde ed i 26 punti parlano da sé. Ragusa si è battuto bene ma ha pagato un inizio balbettante che alla fine ha pesato. Romeo non è stata nelle sue serate migliori e i due punti a referto sono da minimo sindacale. Coach Diamanti al di là della sconfitta ha la certezza della bontà di Anigwe (foto) che segna (20 punti) e difende bene oltre a dimostrare personalità.  Bene anche Ostarello e Vitola che hanno assicurato pnti importanti. Ragusa ha comunque la consapevolezza di potersela giocare con le grandi  e dire la sua. Le biancoverdi possono recriminare solo per tanti errori in fase di tiro e di passaggi. E’ l’ex Kuier ad aprire le danze al PalaMinardi con una tripla. Venezia insiste e trova varchi nella difesa di casa. Le lagunari si portano avanti e chiudono avanti di 9 ((11-20). Secondo quarto con Venezia  di 12 al 4’ (15-27) ma Anigwe scuote la squadra con Dotto che ispira.. Si va al riposo con 6 punti di svantaggio (30-36). Le biancoverdi rientrano e giocano meglio. Al 6’ è pari (39-39) ed alla fine c’è il primo sorpasso 52-50. La gara si infiamma e si gioca punto a punto. Shepard incontenibile ma Anigwe porta   Ragusa ad un punto (68-69) con 40 secondi da giocare. Poi c’è un fallo su Shepard ed i due punti dalla linea della carità dell’americana chiudono la gara. Romeo tenta la tripla nei secondi finali per assicurare l’overtime ma non va.