Ragusa vuole la prima vittoria casalinga. “Sant’Agata osso duro ma dobbiamo farcela”

Corriere di Ragusa Sport: Calcio

Ragusa vuole la prima vittoria casalinga. “Sant’Agata osso duro ma dobbiamo farcela”

Calcio, serie D/I

E’ la terza partita casalinga del Ragusa. Al “Campo” c’è il Sant’Agata ed il Ragusa punta senza mezzi termini alla vittoria. Gli azzurri hanno già ceduto il bottino pieno a Catania e Locri e vogliono farsi perdonare dai tifosi, soprattutto per quanto riguarda la prestazione offerta contro i calabresi una settimana fa. La vittoria nel turno infrasettimanale di Paternò ha dato fiducia a tutto il gruppo e Filippo Raciti vede continui miglioramenti nel suo gruppo. Dice il Tecnico: “Lavorano tutti con grande applicazione, grande sacrificio e concentrati. Ci sono tutti i presupposti per far bene e superare il salto di categoria dall’Eccellenza alla D. Abbiano degli assenti ma chi è subentrato ha fatto bene e non li ha fatto rimpiangere. Il Sant’Agata lo conosciamo già, ci abbiamo giocato nel precampionato e sappiamo che è un’ottima squadra. Noi ce la metteremo tutta per prenderci i tre punti”. Raciti dovrà fare a meno di Varela e conferma Randis, autore di uno dei due gol contro il Paternò, con Catalano punta esterna. In difesa manca anche Gerardo Strumbo che ne avrà per un paio di mesi e il trio difensivo centrale sarà composta da Pertosa, Falla e Domenico Strumbo, il più giovane dei fratelli, che ha fatto l’esordio a Paternò. Centrocampo affidato a Valenca, Cess e Grasso che giocherà alle spalle delle punte. Le due squadre hanno avuto fin qui lo stesso cammino in campionato con due sconfitte interne e due esterne. Domenica scorsa il S. Agata ha vinto sul campo del S. Maria Cilento e mercoledì, invece, ha ceduto al Trapani in casa.