Il Ragusa sbaglia troppo in difesa e il Locri lo stende. Una sconfitta pesante per gli azzurri

Corriere di Ragusa Sport: Calcio

Il Ragusa sbaglia troppo in difesa e il Locri lo stende. Una sconfitta pesante per gli azzurri

Calcio, serie D/I

Ragusa-Locri 1-3: pt 22′ Romero; st 6′ rig. Ficara, 46′ Martinez, 47’ Randis

Ragusa (3-5-2): Lumia;  Iseppon, Diallo (27’st’ Vitelli), Pertosa; Messina, Meola (7’st Grasso), Floro, Cess, Cacciola (7’st Barbara); Catalano, Randis. A disp.: Busà, Marfella, Napoli, La Place, Gozzo. All. Raciti

Locri: Iannì; Paviglianiti, Aquino, Dodaro, Carella (45’st Furina), Romero (24’st’ Pagano), Parrotta (45’ st’ Monti), Larosa (14’ st Mazzone), Lucà, Mbaye, Ficara (27’st ‘ Martinez). A disp.: Gagliardotto, Aquino, Felline, Congiu. All. Mancini

Arbitro: Bortolussi di Nichelino 

Note: Ammoniti Floro, Mancini, Meola, Mbaye, Lucà, Cess. Espulso V. Aquino dalla pnachina. Angoli 4-2. Recupero: 6’st

Un Ragusa scialbo e confusionario si arrende al Locri. I calabresi non fanno nulla di speciale ma sanno approfittare dei regali concessi dalla difesa ragusana, che ha sofferto le assenze di Strumbo e di Falla nel reparto centrale. La squadra di Raciti era attesa alla prima vittoria casalinga ma non ha mai trovato il bandolo della matassa e solo l’ingresso di Grasso ad inizio ripreso ha impresso un po’ di vivacità all’attacco. Nel bel mezzo della sua controffensiva, quando ormai la partita era seriamente compromessa, il Ragusa ha trovato anche un palo ed una traversa che hanno tarpato un possibile inizio di riscossa. Il gol di Randis a tempo scaduto ha mitigato la pesantezza di una sconfitta inattesa ma meritata se non altro per l’approssimazione e gli errori commessi. Anche a centrocampo è venuta a mancare la tessitura del gioco che Floro, spostato a centro difesa, sa assicurare e Cess è apparso spaesato e quasi in cerca di se stesso. In avanti Catalano ha sfarfalleggiato ma ha costruito poco o nulla mentre Randis è stato ben imbrigliato. Locri ben sistemato in campo, molto attento in difesa, con un Mbaye insuperabile ed un Romero sempre attivo in avanti. Bene anche il veloce Ficara che sulle ripartenze ha messo in crisi la difesa di casa. Si fa vedere subito il Ragusa ed al 5’ Catalano dalla sinistra calcia una punizione che Iannì con i pugni manda in angolo. Al 22’ arriva il gol per una doppia distrazione difensiva del Ragusa. Quella decisiva è di Floro che consegna palla a Romero che prende la mira e mette nell’angolo alto, Il Ragusa balla e annaspa per tutto il primo tempo. Nella ripresa si fa vedere subito Ficara che mette in mezzo un pallone pericolosissimo. Un minuto dopo Ficara intercetta un disimpegno del Ragusa ed entra in area con Lumia che lo atterra in uscita. Lo stesso giocatore raddoppia dal dischetto. Entra Grasso e qualcosa si muove. Al 13’ testa di Randis di poco fuori, Al 22’ palombella dal vertice dell’area di grasso che centra il palo. Al 24’ Diallo su palla rimessa in area da Catalano pizzica la traversa. Il Ragusa si spegni qui ma subisce in contropiede il gol di Martinez. Subito dopo lancio di Grasso per Randis a centro area e tiro basso per il gol della bandiera ma è troppo tardi.

I risultati della terza giornata di andata ( 2 ott. 2022):

Acireale-Lamezia: 1-2

Licata-Catania: 1-2

S.Maria Cilento-S.Agata: 0-3

Ragusa-Locri: 1-3

Aversa-Cittanova: 1-1

San Luca-Mariglianese: 1-1

Sancataldese-Canicattì: 0-2

Vibonese-Castrovillari: 1-1

Trapani- Paternò (rinviata al 26 ott.)

La classifica:

Catania 9

Lamezia 9

Aversa 7

Vibonese 7

Locri 6*

Sant’Agata 6

Canicattì 6

Castrovillari 4

Paternò 3 *

Ragusa 3

Sancataldese 3

Cittanova 2

Mariglianese 2

Trapani 1**

Acireale 1

Licata 0

S.Maria Cilento 0

** due partite in meno

*Una partita in meno