Politiche: Sallemi è senatore, Minardo ritorna in parlamento

Corriere di Ragusa Politica

Politiche: Sallemi è senatore, Minardo ritorna in parlamento

Il M5S alle politiche scavalca in Sicilia i partiti del centro destra e si afferma come il primo partito dell’isola, con percentuali che variano tra il 27% e il 30%. Fratelli d’Italia è dietro di quasi 10 punti, ma comunque conferma anche in Sicilia la sua forza elettorale come primo partito del centrodestra. Forza Italia ottiene un risultato superiore a quello del resto d’Italia, intorno al 10% e riesce anche ad eleggere a Marsala la compagna di Silvio Berlusconi, Marta Fascina. Il Pd subisce invece un tracollo, superato in alcuni collegi perfino da Sicilia Vera del messinese Cateno De Luca. Il Terzo Polo di Calenda viaggia invece attorno al 5%, la percentuale prevista come soglia di sbarramento alla Regione. Lo scrutinio completato all’uninominale dice che Nino Minardo, della Lega, con i suoi 10.356 voti, 35,57% dei voti, ritorna in Parlamento. Eugenio Saitta, MS, con il 29,84, è ben distante, ed ancora di più il comisano Gigi Bellassai, del centrosinistra, con il 19,15%. Nel plurinominale Sicilia 2 si afferma la coalizione di centrodestra al 40%, con Fdi quasi al 23%. Secondo partito è Forza Italia con il 10%. Il primo partito, come scritto all’inizio, è il M5S. Al Senato, tutte le sezioni scrutinate, si conferma lo stesso trend ed il centrodestra elegge con il 31,89% l’avvocato vittoriese Salvo Sallemi (nella foto mentre festeggia il risultato), che correva con Fdi. L’uscente Giuseppe Pisani, M5S, si attesta al 27%.