Virtus Ispica mette sotto il Comiso

Virtus Ispica mette sotto il Comiso

Calcio, Eccellenza/B

Virtus Ispica-Comiso: 3-1

Marcatori: pt 22’ Blanstein, 43’ Bojang, 46’ Blanstein; st 12’ Coria

Virtus Ispica: Starapoli, Rivas, Priola, Pitino, Caruso, Di Pasquale, Falla, Molina, Blanstein, Coria, Caschetto (33’ pt Bastos, 1’ st Giardina). All. Trigilia.
Comiso: La Licata, Greco, Marino, Leggio (44’ pt Charty, 26’ st Cavallo), De Zan (44’ pt Rotondo), Saporito, Bojang, Diara, Diallo, Valerio, Balba. All. Violante.

A r b i t ro : Aquilina di Agrigento

La Virtus Ispica si sblocca, il Comiso resta fermo. Al “Comunale” di Pozzallo (foto) non c’è il pienone come il derby finalmente a porte aperte avrebbe meritato, ma le due squadre si sono date battaglia. Due espulsioni, cinque ammonizioni e 4 gol dicono di una partita molto combattuta. Vince la Virtus Ispica di Peppe Trigilia perché ci crede di più, è più concreta e fisica rispetto ad un Comiso balbettante soprattutto in difesa dove La Licata, tra i pali al posto di Di Martino, andato al Gela, ha tradito qualche incertezza di troppo. Il Comiso è stato inoltre poco concreto in avanti mancando un paio di buone occasioni nel primo tempo ed è capitolato nonostante la Virtus abbia giocato in inferiorità numerica da metà primo tempo per l’espulsione di Di Pasquale. I giallorossi hanno comunque meritato ed il Comiso deve ritrovare al più presto la giusta strada. Al 22’ l’argentino Blanstein va in gol con un colpo di esta che trova impreparato La Licata. Poi la gomitata di di Pasquale che vale l’espulsione dell’ispicese ed il Comiso si fa sotto. Al 43’ Bojang tira da fuori, la palla non è bloccata dal portiere e finisce in rete. La Virtus reagisce subito ed al 46’ Blanstein fa gol direttamente su punizione. Nella ripresa ancora Ispica e Comiso imbambolato. Coria bate una punizione a giro al 12’ su e fa 3-1. Il Comiso arranca, crea qualche occasione e reclama un rigore ma non succede niente se non l’espulsione di Greco nel finale che riporta le squadre in parità numerica ma i tre punti vanno ai padroni di casa.