Ragusa attento sul mercato. Raciti: “Prima vediamo chi resta, poi pensiamo ai nuovi”

Ragusa attento sul mercato. Raciti: “Prima vediamo chi resta, poi pensiamo ai nuovi”

Calcio, serie D

“Ancora nessuna novità, ci stiamo guardando attorno”. Filippo Raciti (foto) sarà ancora sulla panchina del Ragusa e segue da vicino l’andamento di questa parte finale della stagione. “il campionato di serie D –dice il tecnico azzurro- si è concluso domenica e per questa ragione non sarebbe stato opportuno andare a sondare giocatori e società sulle loro eventuali prospettive. La nostra prima mossa è di parlare con i giocatori che nella scorsa stagione hanno vinto campionato e Coppa. Vogliamo capire chi di loro è disponibile a restare e chi invece vuole fare altre scelte”. Non è un mistero infatti che i più esperienti siano ricercati da società che vogliono puntare alla promozione e le offerte per i vari Maimone, Grasso, Miano, Belluso, non mancano.

“Noi -dice Raciti- vogliamo confermare il maggior numero di giocatori possibile. Puntiamo a costruire una squadra che possa militare senza tanti patemi d’animo in serie D ma ci dobbiamo attrezzare. Ragusa ha la forza di rappresentare una piazza appetibile, dove si sta bene, dove c’è una società solida ed è il posto ideale per fare bene”. La società intanto dovrà pensare a sostituire il direttore dell’area tecnica, Graziano Strano, che ha deciso di interrompere il suo rapporto con il Ragusa. Strano non fa mistero di non avere condiviso il progetto e le strategie della società ed ha preferito tirarsi indietro. Il suo sostituto è atteso a breve anche per aiutare l’allenatore a gestire il mercato ed individuare i giocatori che fanno al caso del Ragusa. ”Prima chiudiamo con i giocatori della passata stagione – dice Raciti- Poi ci tufferemo sul mercato e reperire i giocatori che fanno al caso nostro”.