Virtus Kleb vince derby ed esce dal tunnel

Basket, serie B

Virtus Kleb Ragusa- Green Basket Palermo:  74-57  (15-12, 38-30, 51-42)

 Virtus Kleb Ragusa: Sorrentino 13, Ianelli 2, Idrissou, 4, Simon, Mastroianni 31; Canzonieri 2, Iurato 5, Salafia 8, Chessari 9, Ferlito, Dinatale n.e., Ktising n.e. All.Bocchino

 Green Basket Palermo: Bedetti 7, Lombardo 4, Di Marco 2 Boffelli 9, Caridi 15; Gentili 6, Martino 7, Drigo 4, Guerra 3, Moltrasio n.e., Ben Salem n.e. All. Mazzetti

 Arbitri: Chiarugi di Pontedera e Giustarini di Grosseto

 Ragusa vince con merito con una squadra che coach Bocchino “rivoluziona” rispetto alle precedenti edizioni. Palermo tiene per tutto il primo tempo ma poi si arrende alla velocità ed alla migliore tecnica dei padroni di casa. Mastroianni è dirompente al tiro ma difende anche molto bene e capitan Sorrentino fa valere la sua esperienza. Palermo ha sbagliato troppo soprattutto al tiro. Il tabellino dei verdi ospiti dice tutto. Caridi è il migliore dei suoi ma non basta. Gli errori sotto canestro pesano soprattutto se si concede poi la transizione agli avversari. Ragusa ha infatti conquistato palla ai rimbalzi ed è ripartito trovando larghi spazi nella difesa ospite. I biancazzurri di coach Bocchino escono dal tunnel delle 5 sconfitte consecutive e rivedono la luce.

Apre subito Caridi ma Mastroianni risponde da 3. Si segna poco, troppi gli errori di mira dall’una e dall’altra parte. Sorrentino e Mastroianni falliscono dalla distanza. Al 5’ Boffelli segna il punto della parità, 8-8.I due liberi di Chessari danno a Ragusa il vantaggio nel quarto, 15-12. Al cambio campo Ragusa insiste e allunga con il le triple di Iurato e Sorrentino, 21-14 dopo 1’. Palermo soffre la fisicità e la velocità dei biancazzurri che vanno sul +11 al 4’ con Idrissou. Palermo cerca il pressing ma Ragusa allunga ancora, 38-25 a 2’ dalla fine del tempino. Di Marco è il più vivo tra gli ospiti e accorcia prima del riposo lungo, 38-30.

Al ritorno sul parquet l’inerzia della gara non cambia. Palermo ha difficoltà a penetrare nella difesa di casa. Salafia segna i suoi primi punti, Bedetti risponde, 40-32. Lombardo e Bedetti sbagliano i tiri da 3, 46-32 al 5’. Drigo accorcia le distanze prima del cambio campo dopo una serie di errori dei suoi, 51-42. Nell’ultimo quarto la Virtus Kleb gioca in scioltezza, sicura di sè. Coach Bocchino fa ruotare i suoi. Palermo tiene fino al 3’. Mastorianni ancora da 3 per il 64-51. Sono ben 16 i punti di distacco a 2’ dalla fine e Palermo ha poco da chiedere e da dare. Il tiro libero di Chessari fissa il risultato finale con il +17 per Ragusa.