Ragusa guarda avanti con dubbi su ripartenza

Calcio, Eccellenza/B

Il Ragusa non ci crede e guarda già al prossimo anno. “Appare molto improbabile la ripartenza a inizio febbraio, quando, invece, molto verosimilmente, ovviamente speriamo di no, ci si ritroverà a confrontarsi con gli effetti della temuta terza ondata dell’epidemia” –dice il presidente Giacomo Puma. Il dirigente azzurro chiede al neo presidente del Comitato regionale della Figc di pensare sin da subito a formule alternative per il campionato di Eccellenza e lancia la proposta di preparare sin da subito le basi per il prossimo campionato.

Dice il presidente Giacomo Puma: “Preparare le basi significa, anche, garantire le adeguate agevolazioni alle società che, in questi mesi, si sono trovate a doversi sobbarcare oneri pesantissimi, tra l’altro senza l’apporto di pubblico, e con i sostenitori che, naturalmente, in assenza di calcio giocato, si sono tirati indietro. E’ un momento difficile per tutti, lo sappiamo, e però se non si compiranno i passi giusti che tutti auspichiamo, diventerà difficile per chiunque rimettere in moto la macchina del calcio. E crediamo che questo nessuno lo voglia, a cominciare dal presidente Morgana”. La situazione dei campionati dilettanti in Sicilia resta molto fluida  e da più parti arrivano segnali di disillusione e si fa strada l’ipotesi di una chiusura viste le difficoltà economiche ed organizzative in cui versano le società.