Il S. Croce si riscatta e si gode i suoi giovani

Il S. Croce si riscatta e si gode i suoi giovani

Calcio, Eccellenza/B

Buona prima e tante note positive dopo la prima partita di campionato del Santa Croce. Il percorso verso la salvezza, obbiettivo del club biancoazzurro anche per questa stagione, è ancora lungo ma è importante aver cominciato bene. Oltre alla prestazione convincente la formazione di Gaetano Lucenti (foto) si lascia alle spalle le due sconfitte in Coppa Italia e compie un bel salto in avanti, sciorinando bel gioco e azioni pregevoli. Il punteggio poteva essere più sostanzioso se gli avanti biancazzurri non avessero peccato in lucidità ma la prestazione è stata così esaltante che ha soddisfatto giocatori, tecnico e dirigenza. Le note positive non riguardano solo il risultato, il bel gioco e le buone prestazioni di quasi tutti i giocatori ma alcuni aspetti nuovi e incoraggianti. Lucenti si è ritrovato, dopo averci messo del suo, piacevoli conferme nei giovani. In quell’ “under” Iurato che ha giocato in difesa come un veterano, mostrando grinta e completezza di gioco. In quel Lorenzo Incatasciato che con il gemello Federico avevano fatto vedere cose egregie nelle prime due partite ufficiali e che è andato in gol anch’egli da giocatore navigato. Nel rientrante Gravina, che in dieci minuti ha mostrato delle buone giocate e un buon inserimento in squadra che sono delle chicche promettenti per il prosieguo del campionato. Nella squadra nel suo complesso, che è sembrata tale e quale quella lasciata prima dello stop del campionato scorso per l’emergenza Covid. Insomma Lucenti ha lavorato bene in questi anni e adesso sta raccogliendo i primi frutti. Non si sa cosa può riservare il futuro ma le premesse sembrano buone.

Lo stesso Lucenti ammette: “Abbiamo avuto una buona reazione dopo le due sconfitte consecutive e avevamo bisogno di vincere questa prima gara di campionato. Ci siamo riusciti. La squadra si è ben comportata, ma, bisogna ancora lavorare perché ci sono state alcune cose che non mi sono piaciute durante la gara. C’è tempo per sistemare i dettagli. Siamo ancora all’inizio e nelle prossime due gare ci attendono altrettante trasferte insidiose, dove ci andremo a confrontare contro delle nostre dirette concorrenti alla salvezza. Dobbiamo affrontare queste due trasferte nel migliore modo possibile e a tal proposito mi aspetto dai ragazzi delle prestazioni in cui la mentalità e il giudizio ci facciano conquistare quanti più punti possibile. Contro il Palazzolo ho visto cose buone e altre meno buone – ammette Lucenti- . Ho notato che dobbiamo migliorare nel fraseggio, sul gioco al muro e sugli interscambi. Lavoreremo su questi tre fattori e cercheremo di correggere gli errori nel più breve tempo possibile”.