S. Croce brillante mette sotto Palazzolo

S. Croce brillante mette sotto Palazzolo

Calcio, Eccellenza/B

SANTA CROCE – PALAZZOLO:   2 – 0

Marcatori: 30’pt Leone (rig), 41’st Incatasciato L.

SANTA CROCE : Cavone, Iurato, Ravalli, Escobar, Morales, Sferrazza, Iozzia, Battaglia (25’st Incatasciato L.), Sammartino (46’st Lentini), Leone (45’st Arestia), Floridia (1’st Cornazzani) (38’st Gravina). All.re Lucenti. A disposizione: La Rosa, Incatasciato F., Lauretta, Mauro.

PALAZZOLO: Martinez, Staita, Steli (43’st Salonia), Magro (43’st Barbuzza), Di Blasi, Cosmede, Didomenico (21’st Di Pietro), Cutrona (29’st Di Bartolo), Tomasco, La Cognata, Coria. All.re Matarazzo. A disposizione: Fava, Giardina, Melluzzo, Lo Magro.

Arbitro: Vazzano di Catania

Note. Ammoniti : Floridia, Escobar, Battaglia (SC); Cosmede, Staita e Matarazzo (all) (P). Angoli 8-2 per i locali. Rec 0’ e 5’

Esordio scintillante del Santa Croce che supera un Palazzolo la brutta copia della corazzata degli anni passati. La formazione biancoazzurra è invece la bella copia di quello visto in Coppa Italia grazie alla possibilità che ha avuto il tecnico di schierare i titolari e fare fronte all’assenza per squalifica di Di Rosa e per infortunio di Minteh con altre soluzioni altrettanto valide. Il Santa Croce ha schierato per la prima volta centrale di difesa Sferrazza che ha troneggiato e ha disputato una partita sontuosa e, in attacco, seppur per un tempo ma dove il suo apporto si è visto, il rientrante Floridia. Hanno completato l’opera in resto della squadra: un reattivo ed efficace Leone che ha dettato i tempi giusti in avanti, Escobar e Iozzia a centrocampo e Sammartino che si è adoperato in un gioco oscuro ma efficace. Ottimi i venti minuti finali di Lorenzo Incatasciato che ha siglato il raddoppio e segnato un gol al suo esordio in Eccellenza e di Gravina, entrato negli ultimi dieci minuti, che ha dato fatto vedere in poco tempo dei lampi di grande giocatore e dato l’assist a Incatasciato per il raddoppio.

Il Santa Croce ha comandato il gioco per tutta la gara lasciando al Palazzolo solo una certa pressione fisica di Coria e Tomasco ma con il vuoto dietro loro due. La formazione di Matarazzo è sembrata anche priva, non solo di idee, ma di quelle capacità di gioco e di livello qualitativo tale da poter disputare un campionato di vertice. Le prossime gare ci diranno le qualità del Santa Croce e del Palazzolo ma in questa gara certamente la formazione di Lucenti ha primeggiato e ritrovato la compagine dello scorso campionato. Tutte le azioni più significative sul taccuino del cronista sono di marca biancoazzurra. Al 20’ del primo tempo tiro al volo di Iozzia poco sopra la traversa. Al 29’ Leone veniva atterrato in area. Rigore che lo stesso fantasista trasformava (foto). Al 36’ punizione di Leone dalla destra che Martinez parava in due tempi. Al 38’ gran tiro di Escobar da fuori area che si stampava sul palo alla sinistra del portiere gialloverde. Nella ripresa al 13’ Leone, servito da Sammartino, solo davanti al portiere si faceva parare il tiro dall’estremo difensore ospite. Un leggero acuto del Palazzolo al 26’ su punizione di Tomasco parato da Cavone che compiva cinque minuti dopo un’altra grande parata deviando in angolo un gran tiro di Coria dagli sviluppi di un calcio d’angolo. L’ingresso di Incatasciato al 25’ animava l’azione dei locali. Al 32’ il giovane ex Airone Modica solo davanti al portiere si faceva respingere il tiro. Al 41’ però Gravina scivolava verso l’area bevendosi due difensori, assestava un assist per Incatasciato che penetrava in area e batteva Martinez. Un giusto compendio per un giovane promettente e che sembra essersi inserito bene negli schemi di mister Lucenti. Santa Croce quindi che inizia bene e che deve dare continuità a quanto fatto vedere, cercando di migliorare nelle conclusioni e nel gioco corto e ragionato.