Ragusa comincia con la Jonica al “Campo” ma senza pubblico. Raciti: “Cominciare bene”

Ragusa comincia con la Jonica al “Campo” ma senza pubblico. Raciti: “Cominciare bene”

Calcio, Eccellenza/B

Il Ragusa comincia dalla Jonica. Contro la matricola di S. Teresa Riva gli azzurri affrontano la prima giornata di campionato a distanza a sei mesi dall’ultima gara interna. Da allora in casa Ragusa è cambiato tutto. La dirigenza, l’allenatore ed i giocatori. Una rivoluzione totale che ha visto il ritorno di una dirigenza locale e di tanto entusiasmo da parte della città, come testimoniano sponsor e di imprese che si sono avvicinati. Il progetto tecnico è stato affidato alla “bandiera” di tante battaglie, Carmelo Bonarrigo, e ad un ragusano di adozione come Filippo Raciti. Tante le incognite del campionato ma il Ragusa è accreditato almeno di un posto nei play off.

La prima avversaria non sarà facile come sostiene il tecnico: “La Jonica è un avversario che conosciamo quanto basta – sottolinea Raciti – per sapere che potrà metterci il bastone tra le ruote anche se giocherà fuori casa. Ha buone individualità e un gioco organizzato. D’altronde, non è un caso se, nel primo turno di Coppa Italia, ha messo in difficoltà la corazzata Giarre. Dovremo avere un approccio umile e, allo stesso tempo, determinato alla partita. Non potremo concederci distrazioni e, soprattutto, dovremo dimostrare di volere sfruttare al massimo il fattore campo. Certo, ci dispiace che non ci sia il nostro tifo a sostenerci. Ma dovremo farcene una ragione”. Gli azzurri dovranno fare a meno di tre pedine importanti per l’occasione. La punta Maiorana alle prese con problemi di salute,  l’esterno Porto ed il portiere Di Martino perché squalificati. In porta andrà dunque il giovane Florio mentre in avanti posto per Furnò e Passewe con il giovane Leggio a supporto. Il presidente Giacomo Puma ha presentato la squadra alla città nel corso di un incontro con gli Ultras Iblei alla presenza di tutti i dirigenti e dell’intero staff. Il messaggio è stato “Siamo qui per divertirci e, soprattutto, per farvi divertire”.  A cominciare da domenica anche se sugli spalti del “Campo mancherà il pubblico.