S. Croce: esordio in casa con tanti assenti

S. Croce: esordio in casa con tanti assenti

Calcio, Eccellenza/B

Dopo sette mesi (era il 1° marzo quando è stata disputata l’ultima gara, prima del lockdown) il Santa Croce ritorna a giocare al “Kennedy” (foto) per l’andata del primo turno di Coppa Italia contro il Ragusa di mister Raciti. L’emozione però non potrà essere assaporata dai tifosi biancoazzurri. La società, infatti, comunica “con rammarico, che, a causa delle ultimissime disposizioni delle autorità competenti al rilascio delle prescritte autorizzazioni, nonostante ogni possibile sforzo organizzativo compiuto per consentire la partecipazione del pubblico alla gara di calcio del 6 settembre prossimo tra il Santa Croce e il Ragusa, valevole per il primo turno di Coppa Italia Eccellenza, non è stato possibile ottenere le prescritte autorizzazioni e pertanto detta gara si svolgerà a porte chiuse e quindi senza la partecipazione del pubblico”.

Il direttore generale del Santa Croce, Claudio Agnello, interviene in merito: “Nonostante le attuali impossibilità ad ospitare il pubblico allo stadio, il club rimane ottimista riguardo al possibile ritorno degli sportivi tra gli spalti. L’agibilità dell’impianto, per la stagione 2020/2021, è stata da poco rilasciata dalla Commissione comunale di vigilanza pubblici spettacoli per cui si tratta di predisporre degli accorgimenti specifici per garantire agli Organi di Pubblica Sicurezza il pieno rispetto delle norme e dei protocolli vigenti in materia di contenimento da Covid-19. La nostra associazione, quale ente gestore dell’impianto, sta mettendo in campo notevoli sforzi per ridare alla cittadinanza uno stadio aperto e accessibile e siamo certi che molto presto questo nostro obiettivo si realizzerà nel pieno rispetto delle norme”. La squadra comunque è pronta all’esordio anche se mancheranno gli infortunati Morales, Ravalli e Quartarone e gli squalificati Gravina, Sferrazza ed Escobar. Tesserato il portiere Antonio Gianchino, classe 2001, proveniente dal Modica Calcio.