Giro parte a Ottobre da Palermo. Ragusa non c’è

Giro parte a Ottobre da Palermo. Ragusa non c’è

Ciclismo

Il Giro 2020 parte dalla Sicilia. La Grande Partenza, dopo la sospensione per l’emergenza sanitaria di primavera che indusse gli organizzatori a spostare le date, è in programma il prossimo 3 ottobre.  Nell’isola sono previste quattro tappe, una in più rispetto all’edizione originaria. Dal percorso della carovana rosa resta tagliata fuori tutta la Sicilia sud orientale che non verrà neppure sfiorata. Il Giro partirà da Monreale, in origine indicata come partenza della quarta tappa, la prima italiana dopo le prime tre tutte in terra ungherese. In programma la crono sui 16 km che congiungono la piazza del Duomo di Monreale con il capoluogo siciliano.

E’ una tappa molto attesa per Giovanni Visconti, il tre volte campione italiano, e che potrebbe vedere al via anche i palermitani Filippo Fiorelli (Bardiani Csf) e Leonardo Tortomasi (originario di Partinico), compagno di Visco alla Vini Zabù. La seconda tappa – il giorno successivo – porterà i ciclisti da Alcamo, nel Trapanese, ad Agrigento, nella Valle dei Tempi, dopo aver toccato i paesi del Belice, Melfi, Sciacca, Porto Empedocle sino alla città che ospitò il Mondiale del 1994, vinto da Luc Leblanc su Chiappucci. L’arrivo è adatto a finisseur e si presta a fughe da lontano su un percorso lungo e variamente modulato. Il 5 ottobre partenza da  Enna per l’Etna Etna (150 km) e sarà certamente una tappa impegnativa. la salita finale da Linguaglossa per arrivare a Piano Provenzana a quota 1775 metri e con gli ultimi tre chilometri davvero insidiosi si annuncia scoppiettante. La quarta tappa siciliana – da Catania a Villafranca Tirrena di 138 km – non dovrebbe riservare grandi sorprese. Vincenzo Nibali correrà sulle strade di casa e la tappa sembra quasi un “omaggio” al campione messinese.