S. Croce vivo ma cerca aiuti economici

S. Croce vivo ma cerca aiuti economici

Calcio, Eccellenza

Il Santa Croce inizierà la nuova stagione agonistica con la consueta assemblea ordinaria dei soci che darà inizio alla programmazione del prossimi tornei ai quali la società parteciperà con le varie squadre per ogni categoria, dalla prima agli allievi. Con i campionati 2019-2020 ufficialmente conclusi con il blocco delle classifiche, il club biancazzurro è riuscito a mantenere il titolo nel prossimo torneo di Eccellenza e a partire dal 1 luglio è partita la nuova stagione sportiva 2020-2021.  Martedi 7, il consiglio direttivo capitanato dai “copresidenti” Marco Agnello e Peppe Micieli, ha convocato un’assemblea straordinaria dei soci utile a tirare le somme della stagione conclusasi e per programmare quella futura. “ La crisi economica scatenata dalla pandemia ha tirato un duro colpo anche alle nostre attività associative – commenta il copresidente Peppe Micieli – sono stati mesi difficili per tanti settori a Santa Croce ma anche lo sport cittadino dovrà rialzarsi e noi siamo pronti a rimboccarci le maniche insieme a tutti quei concittadini che hanno voglia e passione di rappresentare e sostenere un movimento sportivo che dura da 64 anni. L’assemblea straordinaria con tutti i soci sarà aperta anche a nuove personalità che vorranno lanciare nuove proposte e idee utili al rilancio del club”.

All’assemblea dei soci sarà presente anche il direttore generale del club Claudio Agnello (foto), convocato dal consiglio direttivo per intervenire riguardo alcuni punti salienti: “la società sta vivendo una fase transitoria che ci vede fronteggiare da un lato le difficoltà post pandemia e dall’altro lato i nodi riguardanti la stagione che verrà – commenta il dg del Santa Croce.  I dirigenti di questo club non sono mai stati bravi venditori di fumo e per lo stesso motivo non abbiamo nessuna vergogna ad affermare i nostri limiti economici ma nonostante ciò si lavorerà per stilare un programma associativo e sportivo serio e reale, perseguendo quei principi e quei valori di credibilità che hanno contraddistinto questo club ininterrottamente da tantissimi anni. In assemblea proporrò un programma sostenibile, incentrato sulle idee e sul lavoro, cercando di valorizzare al massimo le risorse a disposizione con obiettivi precisi e non estemporanei tra i quali far divertire e rendere protagonisti non solo i soci, bensì la città e i partner che ci sostengono”.