Volley Modica saluta. Arrivederci in A3

Volley Modica saluta. Arrivederci in A3

Volley, A3

Il Volley Modica (foto) dà l’arrivederci in A3 ai propri tifosi. La chiusura anzitempo del campionato  vuol dire il mantenimento degli organici di questa stagione anche per quella prossima che dovrebbe partire da settembre. La società ha inviato un saluto alla tifoseria che quest’anno è stata molto vicino alla squadra all’esordio in A3: “Speriamo di chiudere al più presto questo periodo buio e ci prepariamo a vivere una nuova stagione in Serie A3 al vostro fianco, per nuove emozioni e nuove avventure insieme. Ci rivolgiamo, inoltre, alle nostre squadre di categoria inferiore e alle giovanili. Ringraziando i ragazzi in primis, ma anche tutti i tifosi, che hanno dimostrato passione e interesse per la categoria di Serie D. I nostri giovani non potranno riprendere l’attività in questo anno, neanche i più piccolini, per il quale è forte il rammarico di non aver concluso un percorso di crescita importante portato avanti dai nostri istruttori. Dal prossimo anno, tuttavia, la FIPAV ha istituito categorie di annate dispari per permettere il prosieguo del percorso di crescita dei campioni del futuro. Categorie quindi che risultano essere: Under 13, Under 15, Under 17 e Under 19. Infine ringraziamo gli sponsor per averci sostenuto e ci hanno permesso di dare il massimo anche fuori dal campo, con la speranza di un proseguo per il prossimo anno di A3. La prossima sarà una stagione importante e che ci vedrà impegnati ancor di più sui nostri obiettivi e per questo abbiamo bisogno di avere tutti al nostro fianco in quella che è una vera e propria favola sportiva”. La società ha sciolto i ranghi, i giocatori non locali sono rientrati in sede in attesa di conoscere i programmi della nuova stagione.

Il comunicato della FIPAV

La Pallavolo italiana si ferma in modo definitivo. Tutti i campionati sono stati dichiarati chiusi dal Consiglio federale Fipav in seduta straordinaria che ha deciso di mettere punto ai campionati, fermi da oltre un mese per l’emergenza Coronavirus. Di fronte alla decisione di non tornare in campo presa lunedì dalle leghe di Serie A maschile e femminile, e alle istanze di molte società dei tornei minori, nazionali di B e regionali, di C e D, ma anche territoriali, la Federazione non ha voluto attendere l’appuntamento del 15 aprile con la Consulta nazionale e ha deliberato a favore di un provvedimento dettato dalla necessità e dall’opportunità, vista la situazione di emergenza sanitaria ed economica in cui versa l’Italia.