S. Croce amaro. I play off sono lontani

S. Croce amaro. I play off sono lontani

Calcio, Eccellenza/B

Il Santa Croce non è andato oltre il pareggio nello scontro di domenica pomeriggio contro il Real Siracusa perdendo una buona occasione per avvicinarsi ai play off che adesso sono distanti nove punti. Una gara stregata per i biancazzurri che sono stati costretti sempre ad inseguire gli avversari e si sono visti negare almeno tre rigori netti che sarebbero stati il fine giusto per una legittima vittoria. Una direzione arbitrale che ripete almeno per la quarta volta quella di altri incontri dove i colleghi della giacchetta nera di domenica scorsa hanno danneggiato parimenti il Santa Croce, squadra di una piccola cittadina che per questo non può mettere in atto lo stesso peso politico dei grossi club siciliani di categoria. La formazione biancoazzurra in tutti i 90′ ha subito solo tre conclusioni nello specchio della porta, due finalizzate dagli ospiti con le reti di Midolo e Melluzzo e la terza con un calcio di punizione ben parato dal giovane Salerno ad inizio ripresa. La pressione dei biancazzurri è stata invece sempre costante consentendo le reti del pareggio con la doppietta di Leone nella prima parte di gara. Nella seconda frazione di gioco invece la formazione di Lucenti ha assistito inerme alle inspiegabili scelte del direttore di gara che ha negato due rigori sacrosanti al Santa Croce) che, se concessi, potevano cambiare le sorti del match.

L’analisi del tecnico biancoazzurro Lucenti è improntata all’accettazione del verdetto in campo con una punta, però, di rammarico per le decisioni del direttore di gara: “Sono soddisfatto della prestazione della squadra e accettiamo il verdetto del campo. Dopo la riunione che ho avuto con la società la scorsa settimana, abbiamo deciso insieme di puntare a far giocare più giovani possibili che si sono ben comportati. La squadra mi è piaciuta – ammette Lucenti – e solo per sfortuna non siamo riusciti a far nostra la gara. Non commento l’operato del direttore di gara perché le gare non si giocano con i se e con i ma, dico solo che il Real Siracusa è stato bravo a saper sfruttare le proprie occasioni e noi, soprattutto nel secondo tempo, abbiamo peccato di imprecisione. Archiviamo questa gara e pensiamo alla gara di Acicatena nella quale affronteremo una squadra che è in piena lotta per evitare i play out”.