Ragusa fa i conti dopo lo stop di Acicatena

Ragusa fa i conti dopo lo stop di Acicatena

Calcio, Eccellenza/B

Il Ragusa perde e sente il fiato sul collo. Gli azzurri restano in zona play off ma Giarre e Palazzolo accorciano le distanze. I gialloblù etnei, anzi, hanno una partita in meno e sulla carta sono già avanti agli azzurri ragusani. La sconfitta subita ad Acicatena, al di là delle condizioni ambientali poco adatte per esprimersi al meglio, il Ragusa ha ceduto tre punti importanti e può solo consolarsi con il bel gioco e le giocate individuali, che, tuttavia, non sono serviti a portare punti a casa.

Dice il vicepresidente Orazio Ursino: “E’ vero, abbiamo espresso un bel gioco, da categoria superiore, nella prima frazione del match mentre nella ripresa non ci siamo più ritrovati e questo ha favorito l’Acicatena. Certo, l’andamento della partita è stato in parte condizionato anche dalla direzione arbitrale che, soprattutto per quanto concerne il rigore concesso a nostro sfavore, non si capisce ancora adesso quale logica abbia adottato. Gli altri due goal che abbiamo preso, poi, sono stati un poco rocamboleschi, soprattutto il terzo. Non possiamo lasciarci andare a questi svarioni , subendo gli avversari, soprattutto in una partita delicata. So soltanto che i ragazzi si sono mossi con la consueta sagacia e caparbia e speriamo che questo sia solo un intoppo del percorso che abbiamo riavviato. Sono convinto che il tecnico saprà ricucire le maglie di questo strappo, soprattutto mentale, e che la nostra squadra tornerà ad esprimersi come abbiamo sempre fatto in queste ultime giornate, senza subire condizionamenti di alcun tipo. Non dobbiamo dimenticare che ci troviamo in piena zona play off e che la società, l’allenatore, lo staff e l’intero organico faranno il possibile per arrivare a disputare gli spareggi per la promozione a fine stagione”. Sabato intanto ci sarà un osso duro all’Aldo Campo perchè Gela è impelagato nella lotta salvezza e si è rafforzato. Ci vorrà il miglior Ragusa per fare risultato.