S. Croce in barca a Rosolini subisce 7 gol

S. Croce in barca a Rosolini subisce 7 gol

Calcio, Eccellenza/B

ROSOLINI – SANTA CROCE  7 – 1

Marcatori: pt 16′ Bellavita, 18′ e 36′ Franzino, 29′ Floridia; st 17′ Lazzaro, 20′ Bellavita, 36′ Costanzo, 41′ Ricca (rig).

 ROSOLINI: Mangione, Giuffrida, Mannino (43’st Iacono), Monaco, Messina, Lopez, Castro, Tiralongo (13’st Lazzaro), Bellavita, Ricca, Franzino (22’st Costanzo).  All.re Trombatore

SANTA CROCE: Cavone, Gravina, Ravalli, Ferrau’, Stechina (40’st Silva), Blandino,  Iozzia (1’st Giordanella), Battaglia (30’pt Minteh), Reinero,  Floridia, Aprile (21’st Quartarone).  All.re Lucenti

Arbitro: Cavasin di Castelfranco Veneto

Note: Dono di fiori da parte delle due squadre alla memoria del portiere granata Malandrino, deceduto a fine anno in un incidente stradale e minuto di raccoglimento prima della gara insieme ai componenti la famiglia del giovane (foto). Ammoniti: Monaco, Bellavita, Mangione, Lopez e Ricca (R); Gravina, Reinero e Floridia (SC). Angoli 2-0 per il Santa Croce. Rec 3’ e 0’.

Quarta ma anche deludente e pesante sconfitta del Santa Croce che a Rosolini cede di schianto dopo essere stata in partita per i primi trenta minuti del primo tempo. Biancoazzurri che alla lunga si rivelano privi di determinazione e di capacità di tenere il campo e la partita, prestando il fianco ad un pimpante e fisicamente completo Rosolini che mette in luce tutte le pecche di un Santa Croce troppo demotivato e rinunciatario. Le assenze e le tre sconfitte precedenti hanno inciso più del dovuto sebbene la squadra non ha saputo trovare i giusti meccanismi di gioco e di assetto tattico per almeno rimanere in partita più possibile. Anche oggi direzione arbitrale pessima a sfavore del Santa Croce. Il signor Cavasin di Castelfranco Veneto (che bisogno c’era di scomodare un arbitro da così lontano se l’arbitraggio è sempre negativo?) non ha concesso due rigori al Santa Croce e non ha provveduto ad espellere il portiere per fallo da ultimo uomo.

S. Croce Per la cronaca si è visto un primo tempo con occasioni da entrambe le parti, meglio concretizzate però dall’undici granata che mostrava una buona disposizione in campo mentre nel Santa Croce si registravano degli imperdonabili errori difensivi. Due occasioni nei primi nove minuti per i padroni di casa con Tiralongo al 3′ con un tiro che sfiorava il palo e Bellavita al 9′ con un tiro alto sotto porta non intimorivano il Santa Croce che al 12’ reagiva confezionando una grossa occasione da rete.  Floridia lavorava bene un pallone sulla fascia sinistra e metteva nelle condizioni sotto porta all’accorrente Aprile di avere un buon pallone a pochi passi dalla rete ma calciava centrale permettendo al bravo Mangione di parare. Il Rosolini faceva un gioco di ampio respiro e lavorava sulle fasce. Al 16’ da un cross di Franzino, il difensore centrale biancoazzurro Stechina non riusciva a intervenire di testa lasciando la possibilità a Bellavita di colpire di testa sotto porta e insaccare. Due minuti dopo era ancora una azione sulla fascia sinistra che metteva Franzino nelle condizioni di portarsi in area e, sebbene defilato, scoccare un tiro a rientrare con Cavone che non riusciva a evitare la rete del raddoppio. Il Santa Croce reagiva prima, al 27’, con un pallone che giungeva a Gravina che, a pochi metri dalla porta, veniva respinto dall’efficace portiere Mangione e poi, al 29’, con l’ottimo lavoro di Reinero al limite dell’area che produceva un calcio di punizione per il Santa Croce. Batteva Floridia che insaccava. Al 36’ punizione dalla destra tirata sul portiere Cavone che respingeva ma sulla sfera si avventava ancora Franzino che segnava da pochi passi. La ripresa si apriva con un forcing del Santa Croce. Al 4’ Minteh era preceduto dal portiere. Al 6’ Aprile lanciato solo verso la porta veniva atterrato fuori area dal portiere rosolinese ma l’arbitro invece di estrarre il cartellino rosso verso l’estremo difensore granata per fallo da ultimo uomo compiuto fuori area, come da regolamento, estraeva solo il cartellino giallo. Fra il 17’ e il 20’ il Rosolini portava a cinque le marcature con due azioni di contropiede concluse in gol da Lazzaro e da Bellavita. Al 29’ rigore per il Rosolini che Ricca sbagliava facendosi parare il tiro da Cavone. Al 36’ e 41’ la formazione di casa portava a sette le segnature prima con Costanzo, ancora in contropiede e poi con Ricca che stavolta realizzava il rigore.