Pozzallo recupera 2 gol. Pari contro Megara

Pozzallo recupera 2 gol. Pari contro Megara

Calcio, Promozione/D

Megara Augusta-Pozzallo: 2-2

 Marcatori: 14’ pt Casavecchia, 22’pt Alfò, 48’pt Drago, 48’st Arena

Pozzallo: Fornoni, Ricca, Vindigni, Belluardo, Maltese, Linares, Butera, Fusca, Arena, Drago, Porto.

Il Pozzallo prima affonda, poi recupera ed infine rischia anche di vincere. E’ stata una partita ricca di episodi al “Megarello”  (foto) dove si è giocato a porte chiuse la sfida tra le prime due della classe. Quattro gol, tre legni colpiti dal Pozzallo, due espulsi e otto ammoniti sono stai gli ingredienti di una partita vibrante che fino ai secondi finali ha riservato colpi di scena. L’ultimissimo è toccato a Porto a tempo ormai scaduto quando il capitano pozzallese su assist di Butera a portiere battuto ha mandato fuori il gol del possibile 2-3. Il Pozzallo è sceso in campo privo di Filicetti, che ha accusato crampi allo stomaco, ma si è battuto comunque alla grande recuperando un inizio partita traumatico. Dopo 22’gli azzurri erano già sotto di due gol contro un Megara che ha pigiato sull’acceleratore. La squadra di Peppe Rosa ha preso minuto dopo minuto il comando delle operazioni ed ha costretto nella propria metà campo i neroverdi di Di Maria anche perché i locali hanno giocato in 10 dal 40 della prima frazione.

La partenza è tutta dei padroni di casa. Al 14’ punizione battuta da Alfò che spiove in area. C’è il capitano Casamacchia in agguato solo davanti a Fornoni e mette in rete. Nicola Arena è in difficoltà, Porto non spinge ed il Megara trova il secondo gol  con Alfò che entra in area, punta Ricca e lo salta e poi lascia partire un tiro a giro per il raddoppio. A questo punto il Pozzallo reagisce e per sua fortuna trova il gol del pari prima di andare negli spogliatoi grazie  d un colpo di testa di Arena che in area libera Drago che si gira e mette in rete. Il secondo tempo vede il Pozzallo in avanti. Dopo 10’ Ricca subisce una gomitata da un avversario che viene espulso. Megara in 9 e Pozzallo che spinge al massimo. Linares prima e Arena poi colpiscono la traversa. Al 38’ ancora Arena centra il palo e la palla non entra. Si arriva all’ultimo minuto. Cross di Porto in area a scavalcare sul secondo palo. Arena di testa mette nell’angolo e trova un pari che vale oro.