Marina Ragusa giù di morale non demorde

Marina Ragusa giù di morale non demorde

Calcio, serie D/I

La classifica è impietosa e relega il Marina di Ragusa al penultimo posto insieme al Roccella a quota 6. Tre pareggi e una vittoria hanno fruttato un bottino che in casa rossoblù viene valutato striminzito per quanto la squadra ha fatto vedere nelle prime nove giornate di campionato. Dice il tecnico Salvo Utro: “E’ un periodo che ci va tutto storto. Sapevano di dovere fare un campionato lottando per la salvezza ma resta il rammarico che abbiamo giocato sempre alla pari anche con le grandi ma abbiamo portato a casa solo i complimenti”. Utro è amareggiato ma non demorde: “Non dobbiamo mollare e continuare ad allenarci come abbiamo fatto finora anche se abbiamo raccolto poco. Solo così ci tireremo fuori da questa posizione di classifica. I tifosi vengono da due campionati trionfali ma questa è la serie D ed è tutta una storia diversa. Lo sapevano e lo vediamo”.

La società si sta guardando attorno per cercare di rafforzare una rosa che evidenzia qualche lacuna. Manca un attaccante di peso e movimento in avanti ed un centrocampista capace di catalizzare il gioco ed innescare le punte. Non sarà facile reperirli sul mercato di dicembre anche perché bisogna fare i conti con le risorse a disposizione. Contro il S. Tommaso si è rivisto in campo Calivà ed anche Cobeli ha giocato quasi mezzora. L’attaccante è ancora in ritardo di condizione dopo un anno di sosta e l’infortunio che ne hanno frenato il recupero. Fermi ancora Mauro che era apparso tra i più positivi in apertura di stagione e soprattutto Mistretta. Del cannoniere della squadra, 7 gol tra Coppa e campionato, Utro ha urgente bisogno ma non è dato sapere quando il giocatore tornerà in campo.