S. Croce deluso vuole rifarsi subito per il morale

Calcio, Eccellenza/B

Il Santa Croce non riesce a uscire indenne dal confronto con il Palazzolo nonostante non abbia giocato una pessima partita sebbene inferiore alle prestazioni precedenti. Un risultato però per certi versi troppo severo quello uscito fuori dallo “Scrofani Sallustro” di Palazzolo perché il Santa Croce è stato comunque sempre in palla tenendo in apprensione i gialloverdi locali. Un risultato di parità sarebbe stato forse più giusto. Ma le partite si vincono con i gol e il Palazzolo è riuscito a farne due mentre il Santa Croce è rimasto all’asciutto. La squadra di Lucenti lamenta anche alcune decisioni arbitrali che potevano dare un altro verso alla partita. In casa biancazzurra comunque non si fanno drammi in quanto la squadra ha comunque retto la gara e mostrato un buono stato di salute. Il passo falso di Palazzolo è stato indolore grazie ai risultati provenienti dagli altri campi che hanno mantenuto inalterata la posizione di classifica del Santa Croce, appena a ridosso della zona play off. Nonostante la forte delusione per la sconfitta nell’ambiente biancazzurro c’è una forte voglia di rivalsa e la gara di domenica prossima contro l’Atletico Catania potrà servire a cancellare lo sconforto di questa battuta d’arresto.

La gara però è vista in positivo dal tecnico biancoazzurro Gaetano Lucenti (foto): “Commentare una sconfitta del genere non è semplice. La mia squadra ha fatto un’ottima gara, ha tenuto il pallino del gioco per quasi ottanta minuti, ha corso e ha creato azioni pericolose. Però, purtroppo, quando certi episodi ti penalizzano diventa difficile poter contrastare un avversario che di suo ha un importante organico. Ho visto un grande Santa Croce affrontare una squadra importante, composta da giocatori importanti di categoria e uscire dal campo con una sconfitta immeritata. La strada che abbiamo intrapreso, è comunque quella giusta ed è la strada che ci porterà a grandi soddisfazioni. Adesso dobbiamo archiviare questa domenica sfortunata e prepararci ad affrontare un’altra gara importante contro l’Atletico Catania che ci verrà a far visita domenica prossima. L’obiettivo – sostiene Lucenti – è quello di rialzarci subito e riprendere la nostra marcia verso la salvezza, fermo restando che sono molto soddisfatto della squadra e della prestazione di oggi. Sono meno soddisfatto, invece, di alcune decisioni prese oggi in campo ma anche questo fa parte del gioco. Guardiamo avanti con cauto ottimismo perché aldilà dei nostri demeriti e dei nostri limiti contro una squadra forte, come il Palazzolo, abbiamo fatto una gara sopra le righe”.

 E’ successo domenica:

PALAZZOLO  – SANTA CROCE  2- 0

Marcatori 16’st Mollica, 48’st Marra

PALAZZOLO: Vitale, Mollica, Boncaldo, Costantino, Diop, Punzi, Fichera, Sprovieri, Khoris (44’st Codagnone), Pepe (35′ st Marra), D’Amico (43′ st Camara). All.re Di Gaetano.

SANTA CROCE: Cavone, Iozzia, Ravalli, Sane Pape, Stechina, Sferrazza, Floridia (27′ st Di Rosa), Battaglia (40’st Quartarone), Reinero, Leone, Minteh (1’st Distefano). All.re Lucenti

Arbitro: Mattace Raso di Messina. Ass.ti Testai e Sanfilippo di Catania.

NOTE.  Ammoniti D’Amico e Costantino (P); Sane Pape, Reinero e Stechina (SC). Angoli 5-0 per il Santa Croce. Rec 2′ e 3′

Dopo quattro vittorie consecutive il Santa Croce cede l’intera posta in palio ad un Palazzolo superiore per lucidità di gioco, capacità di controllo della palla, abilità nell’impostazione dei contropiede e una forte determinazione di portare in porto il risultato. Il Santa Croce invece, nel complesso, è apparso confuso senza una vera identità e senza una lucidità tattica e con abbastanza approssimazione nel gioco. Un buon secondo tempo non è stato sufficiente per la formazione di Lucenti per almeno portare a casa il pareggio visto l’andamento della ripresa, più positiva della prima frazione, dove poteva anche impattare sebbene si prestava ai contropiedi dei locali. La sconfitta segna un piccolo passo indietro nel gioco e nella brillantezza della squadra biancoazzurra anche se, in base agli altri risultati che si sono concretizzati in questo turno di campionato, non ha compromesso la posizione di classifica. Primo tempo di fisicità più che di grandi accorgimenti tattici causa la pioggia che per tutta la frazione appesantiva il terreno di gioco e costringeva i giocatori a sforzi fisici doppi.

Le due squadre cercavano di tesorizzare al massimo le azioni e ci riusciva di più il Palazzolo che, da una azione dalla sinistra, portava al 16′ Mollica a trovarsi all’appuntamento con il gol sfruttando un ottimo assist di D’Amico e insaccando con un tiro da poco fuori area. Dopo il vantaggio la squadra di casa badava a fare buon filtro a centrocampo e ad affidarsi alle ripartenze mentre il Santa Croce cercava una manovra articolata che però mancava di precisione. Un tiro al 33′ dal limite di Iozzia, finito alto, era poca cosa rispetto a quello che necessitava il Santa Croce nel gioco. Nella ripresa la formazione di Lucenti mordeva di più a centrocampo ma steccava in attacco con azioni poco incisive e confusionarie, oltre che imprecise e frutto di poca lucidità. Era invece il Palazzolo a tenere bene la palla, a creare fraseggi a centrocampo che non riuscivano a liberare le azioni degli avversari e ad agire in contropiede. Proprio in due azioni di contropiede la formazione gialloverde coglieva un palo e una traversa tra il 37′ e il 45′ con Marra e Sprovieri. Il raddoppio arrivava però al 48′ con una buona azione corale conclusa da Marra in rete. Santa Croce che subisce una sconfitta ma che registra una battuta d’arresto indolore dalla quale però deve trarre insegnamento nel ricercare maggiore chiarezza tattica e più convinzione nei propri mezzi. Ancora il campionato è lungo.