Santa Croce rimaneggiato chiude a Milazzo

Santa Croce rimaneggiato chiude a Milazzo

Calcio, Eccellenza/B

Il Santa Croce chiude il suo esaltante campionato con la trasferta di Milazzo affrontando al “Salmeri” i rossoblù di casa allenati dal tecnico Romeo. I mamertini hanno ancora speranze di entrare nella griglia dei play off e i tre punti saranno fondamentali per raggiungere l’obiettivo e per congedarsi al meglio dai loro sostenitori per cui cercheranno a tutti i costi la vittoria. Il Santa Croce, invece, dopo il pareggio di domenica scorsa contro il Marina di Ragusa, non ha nulla da chiedere al campionato, essendo matematicamente salva ma anche fuori dalla griglia play off. Domenica inoltre la formazione biancoazzurra si presenterà a Milazzo in formazione fortemente rimaneggiata per le assenze di Evola, Fiore e Gravina che dovranno scontare il turno di squalifica. Nonostante ciò i biancazzurri allenati da Gaetano Lucenti onoreranno la partita cercando di ben comportarsi al fine di uscire a testa alta dal rettangolo di gioco. La trasferta di Milazzo vedrà la presenza del presidente Giuseppe Micieli che ha avuto parole di elogio per la squadra e lo staff tecnico per l’ottimo campionato affrontato quest’anno.

“Devo ringraziare la squadra e gli allenatori per la stagione esaltante che abbiamo condotto quest’anno nel campionato di Eccellenza. – rileva Micieli – Quello di quest’anno è il risultato più importante che la società Upd Santa Croce abbia mai raggiunto nella sua storia e di questo ne siamo soddisfatti. Raggiungere la salvezza in forte anticipo è da equipararsi ad una grande impresa per la nostra società e tale obiettivo è stato il frutto del lavoro e del sacrificio dei ragazzi che durante l’anno si sono sempre allenati professionalmente. Ringrazio loro e i tecnici a nome della società, per il grande impegno e il forte attaccamento ai colori sociali che hanno contribuito a portare sempre più in alto il nome del Santa Croce. Questa stagione dovrà essere ricordata – osserva il presidente biancoazzurro – alla stessa stregua di una promozione, perché per certi tratti del torneo siamo stati nei piani alti della classifica a fianco di quelle società che hanno sostenuto costi incredibili per programmare il salto di categoria. A Milazzo andremo a giocare l’ultima gara del campionato e cercheremo di attuare il nostro calcio con la dignità che da sempre ci contraddistingue”.