S. Croce mette a rischio i play off con 3 sconfitte

S. Croce mette a rischio i play off con 3 sconfitte

Calcio, Eccellenza/B

Tre partite da incubo per il Santa Croce con altrettante sconfitte frutto di errori difensivi che hanno una spiegazione forse emotiva e che ci possono anche stare dopo un campionato tirato e condotto su alti livelli. La svolta negativa è stata dall’infortunio al portiere titolare Cavone all’inizio di ripresa della gara infrasettimanale con il Giarre dello scorso 27 febbraio. L’uscita di scena del portiere ragusano, che si è rivelato fondamentale per la sicurezza dell’intera difesa biancoazzurra dalla fine del girone di andata, ha innescato l’insorgere di incertezze e insicurezze dell’intera difesa che ha coinvolto il resto della squadra. Il risultato sono state le tre sconfitte frutto di tali incertezze e di una perdita di sicurezza ed equilibrio emotivo che, a cascata, ha coinvolto gli altri reparti. Le assenze per infortunio e squalifiche di altri giocatori hanno fatto il resto. La conseguenza è stata l’uscita dai play off anche se il Santa Croce ha soli due punti dalla terza in classifica e nulla sembra essere perduto. Paradossalmente le sconfitte del Santa Croce e del Camaro hanno provocato un distanziamento fra le prime due, Marina di Ragusa e Biancavilla, che ha praticamente annullato la griglia dei play off. Solo se il Palazzolo vince i due recuperi ci potrà essere un ripristino della griglia play off e comunque il Santa Croce è ancora in lotta per un posto nelle sfide finali, considerando anche che Marina di Ragusa e Biancavilla si affronteranno domenica prossima. La dirigenza biancoazzurra e il tecnico Lucenti si sono compattati attorno alla squadra per infondere tranquillità e trasmettere il messaggio che non tutto è perduto per il discorso play off anche se l’obbiettivo di inizio stagione era la salvezza.

Fa una disamina serena il ds del Santa Croce Claudio Agnello: “Il campionato di Eccellenza di quest’anno – sostiene il dirigente biancoazzurro – è uno dei più aperti e avvincenti delle ultime stagioni e il Santa Croce ha la possibilità di farne parte. Escludendo forse il fanalino di coda, tutte le squadre a quattro giornate dalla fine sono in piena corsa per un obiettivo. Dopo tre sconfitte consecutive – ammette Agnello – è normale che il morale sia piuttosto basso ma ogni partita ha la sua storia e nonostante il terreno perso siamo ancora in piena corsa per un posto nei playoff. La squadra ha ottenuto la salvezza con largo anticipo e merita il dovuto riconoscimento ma non saranno una manciata di punti persi in classifica a farci desistere dall’inseguire la prestigiosa griglia dei playoff. La rosa – osserva il ds del Santa Croce –   non sta attraversando un momento brillante a causa di infortuni e indisponibilità ma abbiamo ancora molte frecce nell’arco e a partire da domenica prossima a Rosolini possiamo riscattarci. In questa fase finale di stagione chiederemo alla squadra fino all’ultima goccia di sudore e solo dopo aver dato tutto al termine del campionato tireremo le somme.” Fra i titolari rientra dalla indisponibilità il centrocampista Fiore mentre è ancora in dubbio il rientro del portiere Cavone. Saranno assenti per squalifica il difensore Ravalli e l’esterno di centrocampo Di Rosa per cui la difesa sarà tutta da ridisegnare. La società e la squadra sono comunque decisi e convinti di poter dare un ultimo colpo di coda e stupire come ha fatto in generale in questo campionato.