Per il Ragusa settimana intensa. Megara e Floridia in trasferta per avvicinarsi alla promozione

Per il Ragusa settimana intensa. Megara e Floridia in trasferta per avvicinarsi alla promozione

Calcio, Promozione/D

Ragusa sotto pressione. Prima il Megara e poi il Floridia nel giro di  tre giorni. La gara contro il Megara è il recupero del 23 febbraio quando non si giocò per il maltempo. La partita è in programma mercoledì al comunale di Sortino mentre contro il Floridia si giocherà sabato a Solarino. Si tratta in entrambi i casi di terreni di gioco poco adatti alle caratteristiche degli azzurri perché in terra battuta ma il Ragusa a cinque giornate dalla fine non può andare tanto per il sottile. Il tecnico Filippo Raciti ne è convinto: “Ogni partita è da vivere come una battaglia, come se fosse una finale. Ci siamo attrezzati in questo senso. Non sempre è facile. Non abbiamo neppure il tempo per tirare il fiato perché la testa è già rivolta al recupero di mercoledì con il Megara Augusta”.

Il tecnico dovrà fare i conti con un organico ridotto al limite. Furnò è squalificato perché espulso contro il Caltagirone, Gargiulo è in forte dubbio perché è stato operato al setto nasale per il colpo rimediato contro i calatini. Da verificare le condizioni di capitan Filicetti che è rimasto in panchina sabato scorso ma che dovrebbe essere in campo. Il campionato è arrivato ormai alla stretta finale ed ogni dettaglio può risultare decisivo. Dice il tecnico: “A Sortino ci vorrà la prestazione più vibrante di cui siamo capaci per ritornare a casa con una vittoria. Sappiamo che non è semplice perché il Megara è una buona squadra che, soprattutto nella fase ascendente del campionato, ha dimostrato di sapere fare grandi cose. E sono certo che ci accoglieranno con il sangue negli occhi pur di fermarci. Ma noi proveremo, come sempre, pur tra le mille difficoltà con cui dobbiamo fare i conti in queste ultime giornate, a dare il massimo”.