Ragusa vuole ritrovare la vittoria

Ragusa vuole ritrovare la vittoria

Il Ragusa vuole evitare a tutti i costi la trappola di Licodia. Domenica gli azzurri affrontano lo Sporting Eubea al «Vassallo» e devono puntare alla vittoria per tenere a distanza Enna, impegnata in casa contro il Frigintini e Real Siracusa che affronta il derby con RG. Gli azzurri non attraversano un buon momento come testimoniano la sconfitta esterna con il Priolo ed il pari interno con RG ed il tecnico Filippo Raciti insieme al suo staff è stato impegnato per tutta la settimana a far recuperare ai suoi uomini lo smalto dei tempi migliori. La rosa ristretta, alcuni infortuni e le squalifiche hanno costretto il tecnico ad impegnare sempre gli stessi giocatori che risentono ora della fatica a 10 giornate dalla fine nella fase più cruciale del campionato. Dice il tecnico: «Ci siamo allenati con molta concentrazione e attenzione così, come del resto, facevamo in passato ma, visto quello che è accaduto, abbiamo rincarato la dose. I ragazzi sono tranquilli. Abbiamo valutato che un calo, nel corso della stagione. Cercheremo di farci trovare pronti in occasione di questo match che, così come gli altri, nasconde delle precise insidie».

A cominciare dal campo in terra battuta. Non è un caso che gli azzurri, si siano allenati per due giorni sul campo del Chiaramonte per prendere maggiore confidenza con i campi in terra battuta. «Si giocano, in questi campi altre partite rispetto a quelle a cui solitamente siamo abituati. Dobbiamo fare di necessità virtù ragione per cui ci siamo preparati nella maniera migliore. Non vogliamo lasciare nulla di intentato». Raciti avrà tutto il gruppo a disposizione, nessun squalificato o infortunato, a parte qualche acciacco a cui però si sta cercando di rimediare.