Arriva il Giro, a Monterosso e Giarratana un pomeriggio da vivere

Oggi è il giorno del Giro. Un puntata breve, di attraversamento degli Iblei nella parte montana ma che suscita tanto entusiasmo. Saranno in migliaia lungo la provinciale che da Monterosso Almo conduce a Giarratana e poi conduce a Monte Lauro. Il programma prevede alle 13,30 la chiusura del traffico veicolare, alle 14,30 l´arrivo della carovana del giro. Intorno alle 15,30 è previsto il passaggio del gruppo ciclistico. A Monterosso Almo, tutto viale Giovanni XXIII sarà addobbato con bandierine e fiori di colore rosa. I ciclisti saranno preceduti da circa 150 auto promozionali che fanno parte della carovana del giro e che anticiperanno l´arrivo degli atleti di circa un´ora e mezza. Regaleranno gadget di tutti i tipi. Molto strette le misure di sicurezza per garantire l’incolumità dei ciclisti e degli addetti e degli spettatori. Buona parte del percorso nel centro urbano sarà transennato. Saranno 150 gli agenti delle Forze dell’ordine che garantiranno il regolare passaggio della carovana formata da 200 atleti scortati da 25 moto del servizio d´ordine della Polizia stradale lombarda che garantisce l´accompagnamento lungo tutto il percorso nazionale. Altre 50 motociclette fanno parte dell´organizzazione. A Monterosso il clou del passaggio ibleo perché in via Giovanni 23mo è stato posto un traguardo volante valido per la classifica.

La quarta tappa del 101 Giro d’Italia da Catania a Caltagirone (nella foto il tracciato) è la prima che si corre in Italia dopo le prime tre svoltesi in Israele. Dopo la Catania-Caltagirone il Giro prevede le tappe Agrigento-Santa Ninfa e Caltanissetta-Etna con arrivo all’ Osservatorio Astrofisico. I ciclisti siciliani in gara sono tre: il messinese Antonio Nibali, fratello di Vincenzo, il palermitano Giovanni Visconti per la Bahrein Merida e il trapanese Salvatore Puccio del Team Sky. Non ci sarà il ragusano Damiano Caruso che si sta invece preparando per il Tour.