Esami di Stato: prove scritte per i 49.000 studenti in Sicilia

Esami di Stato: prove scritte per i 49.000 studenti in Sicilia

Si sono insediate le commissioni d’esame per la terza maturità dell’era covid. Mercoledì e giovedì sono in calendario le 2 prove scritte per i 49.000 candidati siciliani. In Sicilia i maturandi sono in calo di quasi mille unità rispetto agli ultimi due anni (meno 2,6%), ma riguarda solo gli istituti statali dove saranno in 44 mila ad affrontare l’esame mentre negli istituti paritari si registra un incremento del 3,2%. Le commissioni sono costituite dai docenti del consiglio di classe e presiedute da un presidente esterno alla scuola. L’esame di Stato 2022 introduce alcune novità rispetto a quello degli ultimi due anni. Si tratta della modifica dell’attribuzione dei punteggi e delle due prove scritte. La seconda prova scritta, contrariamente al passato, non sarà scelta a livello centrale ma dalle singole commissioni sulla base dei programma svolti. E’ praticamente un ritorno all’esame tradizionale voluto dal Ministero per accertare al meglio la preparazione degli studenti. Il Ministero ha voluto mettere mano poi ai criteri per l’attribuzione dei punteggi. La filosofia ispiratrice è quella di privilegiare innanzitutto la carriera del candidato negli ultimi tre anni. Sui cento punti che concorrono a formare il punteggio finale ben 50 sono, infatti, attribuiti alla carriera scolastica. La prima prova scritta varrà 15 punti, la seconda 10 ed il colloquio orale 25 punti.