Contagi in risalita in Sicilia: nel Ragusano 5.000 positivi covid

Contagi in risalita in Sicilia: nel Ragusano 5.000 positivi covid

La curva dei contagi covid è tornata a salire in Sicilia dopo 5 settimane di decrescita, tutto questo mentre l’isola si appresta a diventare zona bianca. La fondazione Gimbe registra un aumento del 4,5 in Sicilia contro la media italiana dell’1,5. Ragusa risulta nella top five delle provinice italiane per maggior numero di casi con un poco rassicurante 21,8% e 859 casi in più nell’ultima settimana, per complessivi quasi 5.000 casi, quando fino a pochi giorni fa si scesi sotto la soglia dei 4.000. Agrigento è prima con 924 nuovi casi su 100 mila (+38,8% rispetto alla settimana precedente e seconda in Italia dopo Lecce), segue Messina con 906 casi su 100 mila abitanti (+1,1% e quarta in Italia) e quindi Ragusa. A seguire Trapani 842 (+48,3%), Siracusa 704 (-3,6%), Enna 633 (-3,1%), Palermo 633 (-6,8%), Caltanissetta 629 (+7,2%), Catania 449 (-8,1%). In base al monitoraggio, si registra una performance in miglioramento per i casi attualmente positivi per 100 mila abitanti (4.645) ma si evidenzia un aumento dei nuovi casi (4,5%) rispetto alla settimana precedente. Sopra la soglia di saturazione i posti letto in area medica (23,8%) mentre sono sotto soglia i posti letto in terapia intensiva (7,4%) occupati da pazienti covid. Un dato che dovrebbe portare la Sicilia in zona bianca da lunedì, come accennato. La popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari 79,1% (media Italia 83,6%) a cui aggiungere un ulteriore 2,7% (a fronte della media Italia dell’1,9%) solo con prima dose. Ma va precisato che il report Gimbe calcola la copertura vaccinale considerando il totale della popolazione, anche i bambini al di sotto dei cinque anni per i quali attualmente il vaccino anti-Covid non è autorizzato. Il tasso di copertura vaccinale con terza dose è del 77% (contro la media Italia dell’82,8%). La copertura con quarta dose è del 0,4% (media Italia 2,4%). La popolazione fra 5 e 11 anni che ha completato il ciclo è pari 25,1% (media Italia 32,3%) a cui aggiungere un ulteriore 4,5% (media Italia 4,8%) solo con prima dose.