Covid, Sicilia sotto pressione. Open day vaccinazione giovani

Covid, Sicilia sotto pressione. Open day vaccinazione giovani

Sicilia sotto pressione e zona arancione alle porte. La curva epidemica torna a farsi pesante. Il numero degli attualmente positivi è sui 100.000. La mappa dei contagi mette al primo posto la provincia di Catania, seguono Palermo, Messina, Siracusa (già zona arancione), Ragusa, Trapani, Caltanissetta, Agrigento ed Enna. La pressione sugli ospedali si va facendo sempre più preoccupante per cui la Regione pensa ad un doppio percorso per liberare posti letto. Gli asintomatici saranno presi in carico dai medici di base e dai pediatri, che diventeranno «gli interlocutori diretti» di questo tipo di pazienti, compresi i tamponi a domicilio (in alternativa ai drive in, con linee dedicate) e i certificati di guarigione. I positivi a casa con sintomi, invece, resteranno di competenza delle Usca, con il vantaggio di differenziare i flussi e ottimizzare le risorse. La Regione pensa anche di potenziare i centri vaccinali anche con aperture notturne. Il Piano 2” messo a punto prevede inoltre fin da subito altri 634 nuovi posti letto dislocati in tutti gli ospedali siciliani. Il nodo resta, tuttavia, la disponibilità di personale medico e paramedico per far fronte all’emergenza. Le Asp hanno stanno richiamando neolaureati e medici pensionati dalle graduatorie esistenti anche se la risposta non sembra, almeno dalle prime ore, molto sostenuta. Intanto l’Asp di Ragusa, in considerazione del rinvio della riapertura delle scuole e per favorire il potenziamento della campagna vaccinale, ha potenziato le attività di vaccinazione per giovani e giovanissimi in attesa del ritorno tra i banchi. L’open day scatta lunedì 10 gennaio per i giovani studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado della provincia di Ragusa. I ragazzi possono accedere senza prenotazione agli hub di Ragusa, Modica, Scicli e Vittoria e ricevere la loro prima, seconda o terza dose (compreso il nuovo target 12-15 anni per la dose booster di richiamo). Per l’occasione l’Asp di Ragusa ha predisposto 2 distinti percorsi: uno per i prenotati, per i quali è rispettato orario di vaccinazione previsto nelle ore antimeridiane, e uno per la vaccinazione rivolta ai ragazzi in open day, garantita nelle ore pomeridiane, fascia oraria prolungata fino alle 21.