Musumeci: “Rifiuti in mano ai privati, così si rischia il collasso”

«Abbiamo la necessità di fare chiarezza in un settore delicato in cui è forte anche l’interesse della criminalità. Noi dobbiamo redigere il piano, dare le autorizzazioni, di finanziare impianti e a eseguire monitoraggio e controllo. E invece ci troviamo a dovere fare tutto noi, mentre le competenze su raccolta e smaltimento è di Comuni e Province». Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci a Catania, alla presentazione del piano dei rifiuti per l’isola. «Abbiamo trovato una differenziata al 22% – ha aggiunto Musumeci – 4 impianti pubblici che trattava il 29% dei rifiuti e altri 4 privati col 71%. Si è creato un sistema di oligopolio privato che potrebbe, se volesse, fare collassare il sistema». «Nello smaltimento – ha ricordato il governatore – abbiamo trovato sei impianti pubblici, quattro dei quali già in esaurimento, e tre privati che avevano il 90% della raccolta. Abbiamo trovato la mancanza di un piano regionale, 10 Srr non attive, carenza di impianti. lentezza burocratiche, impianti autorizzati con ordinanza del presidente, 511 discariche esauste non classificate. Nella raccolta differenziata – ha detto ancora Musumeci – abbiamo trovato una bassa percentuale dei comuni, scarsa sensibilizzazione dei cittadini, gare d’ambito non avviate. Tanto ci pensa la Regione a coprire le inerzie». «Per realizzare un nuovo impianto in Sicilia ci vogliono 5 anni. Tempi vergognosi dovuti alla burocrazia nazionale e regionale. I termoutilizzatori privati si possono realizzare in 3 anni. Tra pochi giorni lanceremo il bando per realizzarne uno, ma il controllo sarà della Regione. È un sistema ‘magia rifiuti’ che produce ricchezza: calore e energia. Senza questa soluzione – conclude dunque il governatore della Sicilia – resteremmo in mano all’oligopolio dei privati e della cultura delle discariche».