Venerdì si decide se la Sicilia dovrà diventare di nuovo zona rossa

Arriveranno venerdì le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza con le nuove classificazioni delle regioni per fasce di rischio. Secondo l’ultimo monitoraggio della cabina di regia 12 regioni e province autonome sono ad alto rischio, 8 sono a rischio moderato di cui 2 in progressione a rischio alto e una sola regione è a rischio basso.

La Sicilia, in base alle ultime indiscrezioni, sarebbe nella fascia con rischio di crescita in base ai nuovi criteri. Difficile valutare il colore conseguentemente assegnato, ma quello rosso è una eventualità concreta. Molto dipenderà dal contagio nelle prossime ore. Intanto nell’isola sono diventate 10 le zone rosse per decisione del governo della Regione. Si aggiungono Gela, in provincia di Caltanissetta, e Villarosa nell’Ennese. Le nuove “zone rosse” si aggiungono a quelle attualmente in vigore in altri 8 Comuni della Sicilia. In provincia di Caltanissetta, i divieti sono scattati a Milena; nel Messinese, oltre al capoluogo, le misure restrittive coinvolgono Capizzi e San Fratello. In provincia di Catania sono stati dichiarati “zona rossa” Ramacca e Castel di Iudica; stessi divieti a Santa Flavia, nel Palermitano, e a Ravanusa, in provincia di Agrigento.