Sono in molti ad invocare la zona rossa in Sicilia, sindaci in primis

Sono in molti ad invocare la zona rossa in Sicilia, sindaci in primis

Sono in molti ad invocare la zona rossa in Sicilia. Gli ultimi dati sono allarmanti ed inducono i sindaci a chiedere misure più restrittive. Il trascinamento delle feste natalizie con assembramenti, cene e libagioni varie nonostante i divieti, si è fatto subito sentire e gli effetti sulla crescita dei contagi con un indice di positività schizzato al 17,8 per cento fa paura. La Sicilia è risultata così la seconda regione per contagiati con 1.913 nuovi contagi nelle ultime 24 ore. Il boom dei positivi è stato registrato a Palermo, con 582 casi, seguito da Catania, 486, e Messina, 331. Ragusa tiene sostanzialmente ma l’attenzione è alta. Quello che preoccupa di più è il tasso di occupazione dei posti letto negli ospedali che sono al limite della saturazione. Da qui la richiesta di passare da arancione a rosso pur con tutti i riflessi negativi sull’economia e l’insorgere di numerose proteste che testimoniano il malessere di operatori commerciali, ristoratori e studenti.