Rinviato a febbraio il rientro per gli studenti delle superiori

Rinviato a febbraio il rientro per gli studenti delle superiori

Il piano scuola salta e il rientro in classe per gli studenti delle scuole superiori, previsto per lunedì, è rinviato. La data ipotizzata è quella di lunedì primo febbraio. Il presidente della Regione Nello Musumeci è intenzionato ad assumere questa decisione sulla base del report della Commissione tecnico scientifica e dei dati epidemiologici che indicano una risalita dell’indice Rt in Sicilia e l’aumento dei contagi. Altra ipotesi estrema è la sospensione delle lezioni in presenza anche per gli alunni di materna, elementare e media che sono ritornati in classe oggi dopo la pausa delle vacanze natalizie. Il comitato tecnico scientifico e lo stesso assessore all’Istruzione Roberto Lagalla insistono sulla pericolosità per la diffusione dei contagi non per quanto succede nelle aule e nelle scuole ma per il trasporto di migliaia di studenti che si spostano dalle loro residenze.

Dice un autorevole componente del Cts: “Ci sono studi scientifici pubblicati sulle più importanti riviste internazionali che hanno dimostrato come ci sia una strettissima correlazione tra frequenza nelle scuole e incremento delle infezioni. Il presidente Nello Musumeci è molto prudente e vorrebbe allungare a tutto gennaio la Dad anche perché attende i dati del contagio dopo il periodo natalizio. Il governo ha dovuto, tra l’altro prendere atto dei ritardi nella definizione dei piani trasporti che le singole provincie ed i comuni avrebbero dovuto perfezionare. Ci sono nove piani operativi di trasporto che necessitano di 800 corse in più che ancora, in buona parte, non si sa chi dovrebbe garantire. L’Ast ha messo in campo tutti i suoi mezzi ma non sono sufficienti, le aziende private nicchiano e non tutte, comunque, sono disponibili. Serve tempo ed organizzazione e la Sicilia si è fatta trovare in ritardo.