Campagna antinfluenzale per i bimbi in caso di sintomi sospetti

Campagna antinfluenzale per i bimbi in caso di sintomi sospetti

Molte regioni, Sicilia compresa, hanno emanato una circolare che consiglia vivamente la vaccinazione antinfluenzale nei bambini di oltre 6 mesi. In Sicilia la campagna antinfluenzale inizierà dal 5 ottobre negli studi dei 700 pediatri dell’isola, ma con le riaperture degli istituti scolastici si rischia il caos. Dovranno infatti munirsi di refrigeratori per potere far fronte alle migliaia di dosi vaccinali necessarie ed il tempo stringe. Per i bambini con oltre 37,5 gradi di temperatura scatterà una procedura che non permetterà ai pediatri di visitarli se non dopo aver fatto il tampone.

Notoriamente i bambini di ogni età durante il periodo invernale hanno spesso febbre oltre i 37,5 gradi, raffreddore, nausea, diarrea o tosse ma in questo periodo questi sintomi potrebbero sembrare compatibili con quelli derivati dal Covid. In questo caso, come da direttive ministeriali, i pediatri devono immediatamente avvisare l’azienda sanitaria di riferimento. Per questo motivo chiedono al Ministero di essere equipaggiati adeguatamente per poter visitare in tutta sicurezza, fuori dall’orario di ricevimento ed in stanze dedicate, i bimbi con sintomi sospetti.

Se un bambino presenta sintomi influenzali a scuola il responsabile per il Covid presente in ogni istituto si dovrà mettere in contatto con i genitori ed isolare lo studente fino al loro arrivo in una stanza separata. Saranno poi i genitori a dover avvertire il pediatra che farà scattare la procedura.