La Pasqua senza popolo e vissuta in streaming e… in musica

La Pasqua senza popolo e vissuta in streaming e… in musica

La Pasqua senza popolo e vissuta in streaming ha imposto alla Chiesa forme diverse di comunicazione. Per Mpnsignor Antonio Staglianò, vescovo di Noto, comunicare il Vangelo in musica e versi non è stato mai un problema e la nuova contingenza lo ha spinto a provarci ancora, a mettere frutto uno dei suoi talenti preferiti. Una canzone con testo e musica della durata di 5 minuti di Antonio Staglianò con arrangiamento di Salvatore Lucchesi, ed un video in cui si apprezzano al’inizio i monumenti barocchi di Noto, immagini varie della diocesi netina dove dominano mare e campagna. ”Un umile canzone pop” la definisce il vescovo che vuole incoraggiare e dare speranza per quel che sarà dopo la pandemia. Sulla pagina di apertura del sito della Diocesi ecco “Sibilo di infinito”, titolo della canzone, che si apre con “E’ l’ora della tempesta e del naufragio, scopriamo la nostra vulnerabilità e fragilità” e poi continua “Nel silenzio ogni essere umano scopre la verità di sé che lo fa risorgere da ogni morte. Don Staglianò non si limita alla canzone ma accompagna il testo con la sua personale “lettura” del testo di cui spiega genesi e messaggio, “Adesso la speranza si fa invocazione e anche canto”