Sequestrata la Scala dei Turchi: a rischio l’incolumità dei visitatori

Sequestrata la Scala dei Turchi: a rischio l’incolumità dei visitatori

La Procura di Agrigento ha posto sotto sequestro la Scala dei Turchi, con una persona iscritta nel registro degli indagati. “A fronte di un sito di immenso valore storico, paesaggistico e geologico, si deve purtroppo registrare una carente tutela dello sito stesso, verosimilmente attribuibile all’ambiguo status giuridico dello stesso”, ha scritto la Procura nel provvedimento di sequestro. “Non è stata nel tempo effettuata alcuna opera a protezione del sito, sia dal punto di vista della tutela paesaggistica che della messa in sicurezza, mettendo a rischio la stessa incolumità dei visitatori”. L’indagine della Procura era stata aperta all’inizio dello scorso dicembre, a carico di ignoti, per inosservanza delle norme a tutela dei beni artistici, culturali ed ambientali sulla situazione nella Scala dei Turchi. Si erano, infatti, nei giorni immediatamente precedenti, registrati dei cedimenti dal costone di marna bianca.

Quello odierno è dunque un sequestro d’urgenza, dettato dall’approssimarsi della stagione turistica, con un concreto pericolo per i turisti e per i bagnanti. La Scala dei Turchi è un bene che ha una valenza paesaggistica, storica, archeologica e geologica, ma è anche un sito molto fragile che negli anni ha subito atti di vandalismo, con gente che porta via pezzi di marna, disegnando graffiti di dubbio gusto e creando addirittura buchi nella scogliera, con carotaggi non autorizzati.