La Sicilia perde di colpo 7 rotte aeree dopo lo stop di Air Italy

La Sicilia perde di colpo 7 rotte aeree dopo lo stop di Air Italy

Con lo stop di Air Italy la Sicilia perde 7 rotte, 3 voli su Palermo e 4 su Catania. Quanto basta per far riaffiorare i timori sulla carenza di collegamenti e sul caro biglietti. “Il triste epilogo di Air Italy – ha detto il governatore Nello Musumeci – pone l’accento sulla fragilità delle compagnie aeree, non soltanto di quelle cosiddette minori, e sulle inevitabili conseguenze che determina in termini di disagi nella mobilità e di incertezze tra i lavoratori dipendenti. Ho chiesto al ministro dei Trasporti di creare una occasione di confronto sul trasporto aereo in Italia e, in particolare, sul basso livello di accessibilità alla nostra Isola”. Sulla nascita di iniziative private, Musumeci non nasconde l’attenzione da parte della Regione. Il riferimento è in particolare ad Autolinee siciliane, il nuovo vettore che ha già annunciato i primi voli da giugno. “Apprendo, su questo fronte – ha aggiunto il governatore – notizie di alcune iniziative da parte di privati finalizzate alla creazione di nuove compagnie aeree, anche in Sicilia. Guardiamo a tali tentativi con rispetto e attenzione. Dal canto suo, il governo regionale ha avviato, da tempo, altri contatti, senza tuttavia nasconderci le difficoltà del mercato. Ma – conclude Musumeci – abbiamo almeno il diritto di provarci”.

Gds