La “sforbiciata” leggera leggera (per 5 anni) dei vitalizi in Sicilia

La “sforbiciata” leggera leggera (per 5 anni) dei vitalizi in Sicilia

Una “sforbiciata” leggera leggera ai vitalizi e per soli 5 anni: non è proprio quello che l’opinione pubblica si attendeva, ma l’Ars di più non ha saputo fare, approvando con 38 voti a favore, 2 astenuti e uno contrario, il taglio dei vitalizi dei parlamentari. La nuova legge è un compromesso cui si è arrivati dopo confronti tra le forze politiche e rispecchia sostanzialmente l’ipotesi formulata in un primo momento da Pd e Fi. Si prevede un taglio del 9% per gli assegni fino a 37.000 euro, del 14% per gli assegni fino a 60.000 euro e del 19% per quelli sopra i 60.000. Taglio che, come accennato, durerà soltanto per 5 anni. Il dem Antonello Cracolici ha spiegato la logica della scadenza temporale dei 5 anni: “Ci eviterà i ricorsi”, ha detto.

La Sicilia era rimasta indietro rispetto alle altre regioni italiane dopo la richiesta perentoria del governo nazionale che aveva minacciato un taglio di 50 milioni in trasferimenti statali se non si fosse approvato il taglio . La Sicilia era stata la prima a interrompere nel 2012 l’erogazione dei vitalizi per le legislature a venire. Restava indietro sui vitalizi acquisiti fino al 2012, ritardo ora recuperato, seppure al minimo.