A Villa Sofia 20 persone aggrediscono radiologo e assistente

A Villa Sofia 20 persone aggrediscono radiologo e assistente

Hanno sfondato la porta in vetro della sala dove è custodita la Risonanza magnetica dell’ospedale Villa Sofia e hanno aggredito il radiologo e la sua assistente, colpevoli, a loro dire, di aver perso tempo ad eseguire l’esame su un paziente di 60 anni con sospetto ictus. La scorsa notte una ventina di parenti hanno fatto irruzione in reparto trasformando la corsia in un ring. È stato necessario l’intervento dei carabinieri per sedare gli animi ma gli autori dell’aggressione si sono poi dileguati. A causa della loro incursione la sala della risonanza è fuori uso per i pazienti in barella. Si tratta dell’ennesima aggressione ai danni di personale sanitario. Questa volta a farne le spese sono stati un medico radiologo e una donna, tecnico di radiologia medica, insultati e strattonati da un vero e proprio esercito di parenti inferociti di un paziente, un uomo di circa 60 anni, che stava per eseguire un esame di Risonanza Magnetica in urgenza a seguito di una crisi lipotimica e che aveva già eseguita una Tac della testa risultata negativa.