Riesumata dopo 20 anni la salma del parà netino Scieri per l’autopsia

Riesumata dopo 20 anni la salma del parà netino Scieri per l’autopsia

La salma del parà netino Emanuele Scieri è stata riesumata martedì mattina nel cimitero monumentale di Noto, che è rimasto chiuso al pubblico. La procura di Pisa ha disposto difatti l’autopsia sul corpo di Scieri, morto in una caserma toscana il 16 agosto del 1999. Il ragazzo era da un mese a Pisa ed il suo cadavere fu trovato ai piedi di una torretta, all’interno della caserma dove alloggiava. Le indagini furono archiviate, ma nel 2015, grazie all’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta, il fascicolo fu riaperto. Lo scorso agosto i giudici hanno iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio volontario tre commilitoni del giovane siciliano. I giudici sono convinti che il militare netino poteva essere salvato e che non si trattò di un fato accidentale, ma di un presunto episodio di “nonnismo”.