Pesante condanna inflitta ad Antonello Montante: 14 anni di reclusione

Pesante condanna inflitta ad Antonello Montante: 14 anni di reclusione

Pesante condanna per Antonello Montante. L’ex responsabile legalità di Confindustria Sicilia è stato condannato a 14 anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Il cosiddetto “Sistema Montante» era una rete spionistica utilizzata per salvaguardare i propri interessi e colpire gli avversari assicurandosi così la possibilità di essere la testa di un «governo parallelo» in Sicilia. Il gup di Caltanissetta, Graziella Luparello, è andata oltre le richieste del procuratore Amedeo Bertone, dei sostituti Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, che avevano chiesto 10 anni e 6 mesi. Montante sconterà solo un terzo della condanna, perché ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato.

Condannati anche i componenti del cosiddetto “cerchio magico” di Montante: 6 anni e 4 mesi per Diego Di Simone, l’ex ispettore della squadra mobile di Palermo diventato il capo della security dell’associazione degli Industriali. 4 anni per Marco De Angelis, funzionario della questura di Palermo, ritenuto braccio operativo di Diego Di Simone. 3 anni a Gianfranco Ardizzone, ex comandante provinciale della Guardia di finanza di Caltanissetta. Di rivelazione di notizie riservate e concorso esterno rispondeva l’attuale questore di Vibo Valentia Andrea Grassi, condannato a un anno e 4 mesi. Assolto Alessandro Ferrara, ex dirigente generale delle Attività produttive.