Sanità: pronto il Piano regionale delle liste d’attesa per il triennio 2019-2021. Cosa cambia per gli utenti

Sanità: pronto il Piano regionale delle liste d’attesa per il triennio 2019-2021. Cosa cambia per gli utenti

E’ pronto il Piano regionale delle liste d’attesa per il triennio 2019-2021. L’assessore alla Salute Ruggero Razza lo ha messo a punto per ridurre in modo sensibile i tempi per ottenere prestazioni sanitarie specialistiche e non. Sono previste visite nelle strutture private, ambulatori aperti nei fine settimana e, in caso di necessità, nelle ore serali. Ma, soprattutto, totale trasparenza nella gestione dei tempi di prenotazione. Una delle misure più sensibili è la centralizzazione delle disponibilità delle strutture pubbliche e private, che garantirà la totale visibilità dell’offerta erogata in un determinato territorio. Sarà un Cup provinciale che riceverà le richieste e metterà in sinergia tutte le realtà che operano in quell’ambito territoriale. L’utente dovrà fare riferimento solo a quel centro unico per prenotare la prestazione. Per l’utente non ci saranno aggravi di spesa anche se sarà indirizzato verso strutture private.

«In questo modo – sottolinea il presidente della Regione Nello Musumeci – mettiamo il cittadino al centro del sistema sanitario. La Sicilia è tra le prime Regione d’Italia ad avere dato concreta attuazione agli indirizzi contenuti nel Piano nazionale delle liste d’attesa, sottoscritto nel febbraio scorso in Conferenza Stato-Regioni. Un’altra pedina per migliorare il sistema sanitario regionale. Il percorso è ancora lungo, ma siamo convinti di essere sulla buona strada».