Tagli ai vitalizi, fissate le nuove regole: la Sicilia non si presenta a Roma e tarda ad adeguarsi

Tagli ai vitalizi, fissate le nuove regole: la Sicilia non si presenta a Roma e tarda ad adeguarsi

La Sicilia arriva in ritardo, anzi non si presenta proprio all’appuntamento sul taglio dei vitalizi. Al tavolo dei rappresentanti delle Regioni, chiamato a decidere le regole per ridurre i vitalizi agli ex parlamentari, mancava solo un rappresentante siciliano. Da Palermo non è andato nessuno a Roma. E intanto il tempo scorre: mancano meno di due mesi (termine 30 maggio) per recepire quanto è stato deciso a livello nazionale. Come si legge sul Giornale di Sicilia in un articolo di Giacinto Pipitone, la conferenza delle Regioni ha fissato le regole per ridurre gli assegni a tutti gli ex consiglieri regionali d’Italia: nel caso della Sicilia quelli degli ex deputati all’Ars. In media la sforbiciata inciderà per il 40% sugli importi attuali. Viene introdotto comunque un limite base: l’assegno vitalizio non può essere inferiore al doppio della pensione minima erogata dall’Inps, che vale poco più di 500 euro. In Sicilia sono circa 300 gli assegni che dovrebbero subire i tagli, 187 dei quali a ex parlamentari e il resto ai loro eredi. Costano ogni anno circa 19 milioni e per effetto delle norme che stanno per entrare in vigore dovrebbe materializzarsi un risparmio di almeno 7 milioni. Ma l’Ars prende tempo. Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè ha scelto di nominare una commissione in cui ogni partito deve essere rappresentato e al momento non è nemmeno completa.