Un 26enne si è costituito, confessando il duplice omicidio di giovedì al quartiere Zen di Palermo

Un 26enne si è costituito, confessando il duplice omicidio di giovedì al quartiere Zen di Palermo

Si è costituito alla caserma Carini dei carabinieri il presunto killer del duplice omicidio di giovedì sera al quartiere Zen di Palermo: si tratta di Giovanni Colombo, 26 anni, già condannato a due anni per la rissa che il 14 febbraio del 2015 portò alla morte del giovane medico Aldo Naro nella discoteca Goa. Colombo era vicino di casa delle vittime in via Rocky Marciano. Il giovane si è presentato nella sede del comando provinciale dei carabinieri, confessando di essere lui l’autore del duplice omicidio. Il duplice omicidio di giovedì sera, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe legato a una lite avvenuta tra Giacomo Lupo, campione di pugilato che il giorno prima aveva festeggiato il suo 19mo compleanno, e Giovanni Colombo. Nella discussione sarebbe intervenuto anche il padre del giovane, Antonino Lupo, 53 anni. Padre e figlio sono morti poco dopo al pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia.