Addio a Pino Caruso. Palermo piange il grande attore che ha esportato la comicità siciliana con garbo

Addio a Pino Caruso. Palermo piange il grande attore che ha esportato la comicità siciliana con garbo

Addio a Pino Caruso. Palermo piange la scomparsa del grande attore, morto giovedì pomeriggio a 84 anni nella sua casa di Roma. Era malato da tempo. I funerali sabato mattina a Borgo Pineto, a pochi chilometri dalla capitale. Uno degli attori siciliani più noti in televisione e al cinema assieme a Franco Franchi, Ciccio Ingrassia (la mitica coppia di Franco e Ciccio) e Lando Buzzanca, era uno dei simboli di Palermo. Nato il 12 ottobre 1934, ha debuttato nel mondo dello spettacolo al Piccolo Teatro di Palermo il 16 marzo 1957 con un breve ruolo in “Il giuoco delle parti” di Luigi Pirandello. Nel 1965 si trasferisce a Roma e nel 1967 per il Bagaglino debutta al Teatro Nuovo di Milano con lo spettacolo Pane al Pino e Pino al Pino di Castellacci e Pingitore. Pino Caruso ha esportato con garbo una comicità siciliana mai volgare. Importante anche il suo impegno televisivo, che inizia alla fine degli anni 60. Nel 1968 lo scrittura la Rai per la trasmissione di varietà “Che domenica amici”, nel 1975 partecipa a Mazzabubù (Rai 1), sempre di Castellacci e Pingitore, per la regia di Falqui. Caruso è tra i primi a parlare in lingua siciliana nella tv italiana. È tra i primi artisti a legittimare la lingua siciliana nella televisione italiana.