Modica deve restituire 42.000 euro alla Regione Siciliana

“Con 2 distinti provvedimenti la Regione Siciliana ha decretato nei confronti del comune di Modica la restituzione della somma di 42.092,97 euro, dovuta per 2 diversi inadempimenti”: lo rende noto Vito D’Antona di Sinistra Italiana. “Di questo importo – spiega D’Antona – la cifra di 38.433,73 euro rappresenta la sanzione comminata al comune da un precedente provvedimento per non avere attivato nel 2018 alcuna iniziativa di democrazia partecipata, mentre la cifra di 3.659,24 euro rappresenta l’acconto a valere su un progetto di assistenza per disabili per un importo complessivo di 12.197,49 euro finanziato interamente dalla Regione nel 2016, mai rendicontato da parte del comune. Nel primo caso si conferma l’assoluta inerzia per ben quattro anni, dal 2016 al 2019, da parte della Giunta Abbate, ad avviare iniziative che coinvolgessero i cittadini nelle scelte dell’amministrazione, che ha avuto come conseguenza la restituzione, ancora per il primo triennio, della cifra complessiva di 132.364,18 euro. Nel secondo caso – prosegue D’Antona – si è rinunciato a finanziare con fondi regionali una iniziativa di “ .. assistenza per disabili in situazione di compromissione funzionale o minori disabili che svolgono attività di socializzazione che vengono assistiti nell’ambito del nucleo familiare .. “, come dettato dall’avviso pubblico dal quale scaturiva il finanziamento del progetto inoltrato dal Comune. Con questi atti si incrementa la cifra delle restituzioni di somme che irresponsabilmente e per pura sottovalutazione politica o per incapacità amministrativa il comune, in piena amministrazione Abbate, ha visto sfumare, arrivata ad oggi, per quanto ci è dato sapere, a 2.226.832,53 euro – conclude D’Antona – senza contare le occasioni di finanziamento perse in tutti questi anni per non avere partecipato a bandi nazionali o regionali o per assenza di adempimenti nei termini”.