“Bilancio di previsione incerto”. Comiso si avvicina al dissesto?

I gruppi consiliari di opposizione Lista Spiga, Partito Democratico eMovimento 5 Stelle si scagliano contro la maggioranza di destra e la giunta comunale di Comiso che, come si legge nella nota congiunta, “Hanno portato a casa un bilancio di previsione pericoloso e inverosimile, con entrate ingiustificate ed una progressiva riduzione di spesa poco credibile e che lascia prefigurare lo smantellamento progressivo dei servizi sociali”. Secondo l’opposizione quindi “I numeri lasciano presagire sempre più un nuovo dissesto finanziario – si continua a leggere nella nota congiunta – e per questo sono partite le segnalazioni alla Corte dei Conti e alle autorità competenti. Nell’ennesima seduta fiume del Consiglio Comunale di Comiso lo scorso 27 ottobre la destra comisana ha praticamente certificato lo stato di assoluta crisi finanziaria dell’Ente approvando un bilancio di previsione 2021-2023, in violazione, come al solito, dei termini temporali previsti dalla legge e con previsioni palesemente irrealizzabili. Pur mancando il consuntivo 2020, gli atti riportano l’ennesimo disavanzo milionario anche per questa annualità e presentano entrate magicamente in crescita: dalla lotta all’evasione e dall’aumento degli incassi da tasse quali Imu e Tari arriveranno più di 3 milioni di euro. Oltre 2 milioni solo da una miracolosa lotta all’evasione, i cui introiti crescono addirittura del 1.000 per cento rispetto allo scorso anno. Tra svarioni macroscopici scoperti nel parere dei revisori dei conti e tentativi di arrampicarsi sugli specchi non siamo riusciti ad ottenere in consiglio alcuna giustificazione sulla provenienza di queste miracolose risorse che – aggiunge la nota – andrebbero a garantire spese già praticamente tutte effettuate. Abbiamo appreso solo che i cittadini comisani stanno per ricevere valanghe di accertamenti tributari e che il Comune incasserà, secondo i nostri amministratori, ben 90 milioni di euro tra novembre e dicembre. Naturalmente, di fronte a questa pericolosa presa in giro nei confronti dei cittadini e al prossimo fallimento dell’ente sono già state inviate le segnalazioni alle autorità competenti, mentre nei prossimi giorni faremo accesso agli atti di ogni singolo ufficio comunale per ottenere da soli – conclude la nota – i dati che in consiglio comunale non siamo riusciti ad avere”.