Nuova “tassa” su urbanistica a Comiso: chiesta l’abolizione

Nuova “tassa” su urbanistica a Comiso: chiesta l’abolizione

Introdotta a Comiso una nuova tassa sulla progettazione urbanistica e sulla documentazione edilizia. Lo rende noto l’opposizione consiliare (foto), che, compatta, aveva provato ad evitare tutto questo e ne chiede ora l’immediata abolizione. “Incredibile quanto avvenuto nella seduta consiliare del 25 maggio a Comiso – dice il consigliere Gaetano Gaglio – in piena crisi economica, con un tempismo quasi tragico, la giunta Schembari e la maggioranza di destra che la sostiene, hanno introdotto a Comiso i diritti di istruttoria sulle pratiche urbanistiche, battendosi addirittura perché il nuovo balzello sia immediatamente applicabile.

Tutti i documenti che passeranno dall’ufficio tecnico comunale saranno soggetti ora al pagamento, oltre che di diritti di segreteria, per altro adeguati al rialzo, di un onere prima inesistente nel nostro comune: il diritto di istruttoria, da 30 euro a 516 euro a seconda della tipologia di documento. Ne chiediamo dunque – conclude Gaglio – l’abolizione immediata”.