D’Asta: “Una odissea l’accesso agli atti in consiglio comunale”

D’Asta: “Una odissea l’accesso agli atti in consiglio comunale”

“Il mancato rispetto delle regole relativamente all’accesso agli atti sta diventando un problema serio e da tenere nella dovuta considerazione nel civico consesso di Ragusa”: lo dice il consigliere comunale Mario D’Asta che, nell’ultima seduta, ha protestato, annunciando il ritiro dell’interrogazione che doveva discutere, perché i documenti richiesti sono arrivati oltre 2 mesi dopo dalla presentazione della relativa istanza. L’interrogazione, avente per oggetto “Controlli ambientali delle acque del coste del litorale ibleo”, è rimasta lettera morta in aula proprio per la scelta del consigliere di non affrontare l’argomento in segno di protesta. “E’ umiliante per noi consiglieri – precisa D’Asta – avanzare la richiesta e non ricevere nei tempi dovuti il materiale auspicato. Non è possibile che, così come in altri casi, il rispetto delle regole sia diventato un fatto arbitrario. Il mancato rispetto delle regole fa perdere credibilità alle istituzioni. Mi appello dunque – conclude il consigliere D’Asta – oltre che al segretario generale, anche al presidente del Consiglio comunale e al sindaco affinché, ciascuno con riferimento al proprio ruolo, comprenda qual è il meccanismo che si inceppa e si intervenga di conseguenza”.