Pozzallo ha il suo nuovo Piano regolatore generale. Clima sereno e collaborativo in consiglio comunale

Pozzallo ha il suo nuovo Piano regolatore generale. Clima sereno e collaborativo in consiglio comunale

Pozzallo ha il nuovo Piano regolatore generale. Si tratta della Variante al Piano, che è stata adottata dal Consiglio comunale dopo avere trattato le 37 osservazioni che associazioni, categorie professionali e cittadini avevano presentato. Il documento di programmazione urbanistica verrà ora trasmesso al competente Assessorato Regionale al Territorio e Ambiente per l’esame e la definitiva approvazione. Clima sereno e collaborativo in aula per un atto che chiude l’iter avviato nel gennaio del 2018. Il Piano regolatore della città ancora in vigore risale all’ottobre del 1989 e i cui vincoli erano oramai scaduti da quasi 30 anni. Il nuovo piano offre possibilità di sviluppo, valorizza e qualifica il centro storico. Inoltre l’attenzione della Variante si concentra sullo sviluppo turistico che in questi anni la città ha registrato. Allegata alla variante verrà inviata alla Regione anche la VAS (Valutazione Ambientale Strategica) in cui è inserito il molo di sottoflutto che verrà realizzato per la messa in sicurezza del porto. I gruppi di opposizione dal loro canto hanno sottolineato il clima positivo per arrivare al traguardo dell’approvazione. L’attenzione è stata rivlta in particolare alla questione idrogeologica, ai vincoli a difesa di siti storici (l’ex Giuffrida e la villa Tedeschi) che alcuni provvedimenti di commissari ad acta avevano eliminato, la regolamentazione della zona Ct1 ed il centro storico. Per il sindaco Roberto Ammatuna l’adozione della variante chiude una fase importante che porterà fra qualche mese all’approvazione definitiva del nuovo strumento urbanistico da parte della Regione che permetterà nei prossimi anni un grande sviluppo economico, turistico e sociale della città.